Recovery, via all’Alta Velocità con i soldi dell’Ue: quali sono le nuove tratte

Le differenze tra Next Generation Eu e PNRR di Mario Draghi. Quanti soldi sono destinati all'Italia

Con i soldi del Recovery Fund in arrivo dall’Unione Europea, 750 miliardi in tutto, di cui 191 quelli destinati all’Italia, saranno finanziate, tra le altre cose, le tecnologie per la transizione digitale del Paese, la costruzione di una rete di asili nido, soprattutto al Sud e i treni dell’Alta Velocità. Ma quali sono le tratte che saranno completate grazie a Next Generation Eu?

Che cos’è Next Generation Eu, la differenza con il PNRR. Cosa sapere sui fondi europei

Il piano da 750 miliardi messo in campo dall’Unione Europea per consentire un recupero dallo shock economico provocato dalle misure anti-contagio, adottate da tutti i paesi per arginare la diffusione del virus, si chiama Next Generation Eu. Così è stato ribattezzato dalle istituzioni continentali il Recovery Fund (questo il nome ufficioso di Next Generation Eu). Si tratta di un piano di aiuti economici suddivisi in finanziamenti a fondo perduto e prestiti.

L’Italia ha già ricevuto un anticipo: nell’anticipo, finanziamenti a fondo perduto (anche detti grants) ammontano a 9 miliardi di euro. I prestiti (anche detti loans) invece rappresentano un totale di 15,9 miliardi. I fondi continueranno ad affluire fino al 2026, andando a finanziare diversi capitoli di spesa (digitalizzazione, rivoluzione verde, infrastrutture, istruzione, inclusione sociale, salute) contenuti nel piano italiano: è il cosiddetto Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR) o, ufficiosamente Recovery Plan, che l’Europa ci ha chiesto prima di sbloccare i fondi. L’analisi del cronoprogramma, che verrà verificato periodicamente dell’Europa, sarà condizionale allo sbollo dei finanziamenti dei prossimi anni.

Quali linee dell’Alta Velocità si stanno costruendo in Italia

Parte dei soldi andranno alle nuove tratte dell’Alta Velocità. Per la Napoli – Bari sono previsti 110 milioni di euro nel 2020 e 2021. Per la Palermo – Catania sono 47 i milioni di euro da investire nel 2021 su un totale complessivo di 1,4 miliardi di euro. Per la Salerno – Reggio Calabria sono previsti 20 milioni nel 2021, mentre il costo complessivo della tratta è di 1,8 miliardi di euro. La direttrice Liguria – Alpi impegnerà 4 miliardi di euro, di cui 398 a valere sul 2020 e 532 sull’anno in corso. L’Alta Velocità coprirà anche la tratta Brescia – Verona – Padova: 3,7 miliardi di euro il costo complessivo del progetto, che è già stato finanziato con 152 milioni sul 2020 e 341 sul 2021 (qui altri dettagli sulle tratte).

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Recovery, via all’Alta Velocità con i soldi dell’Ue: qual...