Green pass e stato di emergenza fino a giugno: il governo ci pensa

Le mosse di Draghi e Speranza: super green pass fino a Pasqua, stato di emergenza prolungato di sei mesi. Ma sale il pressing politico per chiudere l'emergenza a fine marzo.

Nel governo non c’è una visione univoca sullo stato di emergenza ed il suo eventuale prolungamento: diversi ministri, soprattutto di centrodestra, spingono perché l’esecutivo abbandoni la linea della decretazione d’urgenza, anche per dare un segnale di discontinuità, mentre in area centrosinistra si continua a mantenere una linea sostanzialmente rigorista.

Da palazzo Chigi, in ogni caso, ci si attiene sempre in primo luogo ai numeri. Che in questo momento tornano ad essere preoccupanti, soprattutto in alcune regioni.

Spingere sulle vaccinazioni

Secondo quanto riferisce Affari Italiani dopo aver interpellato fonti governative, l’ipotesi è quella di misure più severe e restrittive nel caso in cui aumenti ancora l’indice l’Rt. In questa chiave non è da escludere una stretta ulteriore, che possa spingere ulteriormente la campagna vaccinale sia per le terze che per le prime dosi, laddove non ancora somministrate.

L’obiettivo di Draghi e del ministro della Salute Speranza è quello di evitare a tutti i costi di trovarsi, dopo le Feste, in una situazione simile a quella di Austria e Germania.

Green pass fino a Pasqua

La prima probabile misura è quella del prolungamento del super green pass almeno fino a alla domenica di Pasqua, il 17 aprile. Al momento il decreto scade a metà gennaio, ma l’estensione sembra inevitabile.

Stato di emergenza, ipotesi giugno

Qui la questione implica anche fattori di operatività e di logistica, poiché consente a Governo e Protezione civile di agire con “poteri straordinari” o “speciali”. Con lo stato di emergenza introdotto per contrastare il Covid sono state disposte misure come:

  • le zone rosse,
  • l’obbligo delle mascherine all’aperto,
  • il distanziamento sociale e altro

Con la proroga dello stato di emergenza verrebbero mantenuti in funzione gli organismi istituiti per far fronte alla pandemia Covid, a partire dal commissario straordinario Francesco Paolo Figliuolo, e dal Cts, Comitato tecnico scientifico.

In queste ore l’Esecutivo starebbe già discutendo di una eventuale proroga di 6 mesi fino a giugno 2022. Il Ministro Speranza ha dichiarato quanto segue “Sullo stato d’emergenza il governo deciderà nelle giornate immediatamente precedenti alla scadenza”.