L’inflazione cresce e minaccia ripresa: BCE cambia rotta?

Le nuove stime di crescita della Commissione UE saranno al rialzo ma restano rischi all'orizzonte.

Corre la ripresa in Europa. Attesa per le nuove stime di crescita che la  Commissione UE pubblicherà giovedì 11 novembre mettendo così nero su bianco la robusta ripresa delle economie, con il PIL ponto a tagliare il traguardo del recupero pre-Covid entro dicembre.

 

UE, in arrivo stime al rialzo. Anche per l’Italia

Attesa una revisione in meglio della crescita per l’Eurozona, 4,8% e 4,5% nel 2021 e 2022, saranno ritoccate all’insù anche le cifre per l’Italia (Bruxelles aveva precedentemente segnalato un +5% per il 2021 ma lo Stivale dovrebbe viaggiare attorno al 6% come indicato anche dal Presidente del Consiglio Draghi)

Lo scenario, dunque, è incoraggiante ma non esente da rischi. Sulla ripresa, infatti, pesa più di una incognita. Lo ha spiegato ieri Il Commissario Ue per gli Affari economici, Paolo Gentiloni.

 

Quali incognite sulla ripresa?

Nell’Area euro – ha detto – “sappiamo che abbiamo una ripresa forte, ma guardiamo molto da vicino due questioni. La prima è la pandemia, non siamo ancora fuori, la seconda è l’inflazione”. Resta da capire quanto risulteranno persistenti i rincari dell’energia – “ci torneremo con più dettagli nei prossimi giorni, con le nostre previsioni economiche di autunno” – “poi faremo considerazioni sui problemi di logistica e sulle catene di approvvigionamento, ma non penso che dobbiamo fraintendere i rischi al ribasso come se stessero cancellando lo scenario di base, che resta positivo e con prospettive positive”. “I prezzi dell’energia hanno un impatto rilevante sull’attuale aumento dell’inflazione” ma “il fenomeno sarà probabilmente temporaneo: forse già nel primo semestre del prossimo anno”, ha affermato il Commissario.

 

Fiammata inflazione preoccupa BCE

Si diceva appunto inflazione, tornata a correre, in scia ai rincari energetici, variabile questa che la BCE non potrà di certo ignorare. L’ormai certa revisione verso l’alto delle stime d’inflazione della Commissione potrebbe. infatti, andare ad impattare sulla tabella di marcia della Banca Centrale europea che ha fatto slittare le prossime mosse di politica monetaria al meeting di dicembre.

Incombe poi la quarta ondata, con concreti rischi di nuovi lockdown, in particolare nel blocco orientale, ampliando il perimetro dall’area euro all’Unione europea a 27. Scenario questo che potrebbe fiaccare la ripresa nel nucleo centrale euro.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

L’inflazione cresce e minaccia ripresa: BCE cambia rotta?