Digital transformation: boom per il mercato Ue, Italia quarta

Il mercato europeo dei servizi digitali sta conoscendo una forte espansione ed entro il 2027 si sfioreranno i 900 miliardi di dollari di fatturato (+25% l'anno)

Digitalizzazione va di pari passo con investimento: questo è il concetto che emerge da una serie di ricerche condotte sulle principali testate internazionali dell’universo economico.

Numeri in crescita

Le prime conferme in merito giungono da Maximize Market Research: a livello europeo, il mercato si svilupperà a tal punto da sfiorare i 900 miliardi di dollari entro il prossimo quinquennio con una crescita media annuale composta del 25,3%.

Regno Unito al top

Entrando più nello specifico, il Regno Unito detiene la quota di maggioranza davanti a Germania, Francia e Italia. Restando in ottica made in Italy, il 61% degli imprenditori afferma che gli investimenti digitali sono destinati a crescere nel corso dei prossimi anni. Ma non è tutto perché nel corso del 2022 quasi la metà delle grandi imprese e PMI italiane ha aumentato il proprio budget per favorire la propria trasformazione digitale: in questo senso si prevede una crescita superiore al 4% in termini d’investimenti rispetto all’annata precedente.

L’Italia si difende

Anche l’Italia vanta numeri in crescita per gli investimenti sul digitale nonostante la difficile situazione macroeconomica. Lo confermano gli Osservatori Startup Intelligence e Digital Transformation Academy della School of Management del Politecnico di Milano. Dopo il forte aumento del 2022 (+4%), per il 2023 si stima un rialzo del 2,1% dei budget ICT delle imprese italiane, con il contributo delle aziende di tutte le dimensioni, comprese le PMI che segnano un aumento del 2,4%. Gli investimenti, per le grandi imprese, si concentreranno in particolare su Sistemi di Information Security (50% delle preferenze), Business Intelligence, Big Data e Analytics (46%) e Cloud (30%), seguiti da Software di profilazione e gestione dei contatti (CRM) e Software Gestionali (ERP). Vedi anche i numeri del 2021.

Quali sono i settori più coinvolti da questa ondata digitale?

Stando a quanto indicato da Technology Review, la finanza è uno dei principali srtytorin di impiego del digitale: infatti, vengono messi in risalto cloud solutions, app innovative, virtual services immersivi e persino piattaforme di ultima generazione. A questo proposito, emerge un portale made in Italy tra quelli più innovativi: si tratta di Agevolazioni 24ORE, realizzato da Gruppo Finservice S.p.A. con l’obiettivo di individuare le migliori opportunità di finanza agevolata in linea con le esigenze dei singoli utenti e di offrire consulenza one to one accessibile direttamente on line. “Il mondo della finanza sarà sempre più influenzato dalla digital transformation – afferma Guido Rovesta, presidente del Gruppo Finservice S.p.A. – Per questo motivo abbiamo lanciato questa piattaforma a supporto di aziende, studi professionali e commercialisti: sarà la via più veloce e smart per rispondere al fabbisogno delle imprese che necessitano di informazioni ed aggiornamenti puntuali sulle migliori opportunità di finanziamenti ed agevolazioni”.