Da caro energia a riforme: le prossime scadenze del Governo

Intanto, riposo forzato per il Presidente del Consiglio, positivo asintomatico al Covid: salta il viaggio in Africa centro-meridionale, nell’ambito della strategia di diversificazione nell’approvvigionamento di gas

Il tempo è poco, le urgenze tante, la necessità di fare bene da qui ai prossimi mesi inderogabile: dopo aver fronteggiato l’emergenza sanitaria ed economica scaturita dalla pandemia, resta decisamente in salita la strada per l’esecutivo guidato da Mario Draghi che sperava di poter tirare un sospiro di sollievo ma ora deve affrontare anche le conseguenze causate dall’invasione Russia in Ucraina. 

Caro energia, le prossime mosse del Governo

Già sotto i riflettori da diverso tempo, si è infatti decisamente aggravato il problema del caro energia con il Governo che lavora a un nuovo decreto che mette sul piatto circa 5 miliardi del “tesoretto” previsti nel Documento di Economia e Finanza (DEF): attesa, dunque,  proroga degli aiuti per arginare gli ulteriori effetti dell’incremento del costo dell’energia, ma anche nuovi fondi per l’accoglienza dei profughi ucraini così come un ampliamento della platea del bonus sociale e garanzie per la liquidità delle imprese.

Intanto, si guarda a Bruxelles in attesa di capire se il “modello” Ue applicato alla pandemia sarà replicabile anche sul tema energia, una sorta di Recovery di guerra, invocato da più parti ma anche di non facile realizzazione per una serie di motivi.  Per questo, almeno allo stato, l’ipotesi più accreditata è che si dovrà intervenire con un secondo round di aiuti, sempre facendo i conti con la coperta rigorosamente corta. 

Nuovo scostamento? Palazzo Chigi frena

Intanto, non si ferma il pressing in particolare di Lega ma anche M5S sulle risorse da stanziare per sostenere famiglie e aziende. Nella giornata di domani,  il DEF passerà sotto la lente di Camera e Senato con richieste di scostamento condivise che arrivano da più forze di maggioranza ma non da Palazzo Chigi e MEF, che non vogliono sentire parlare di  extra-deficit. Almeno per ora.

Draghi fa (ancora) il mediatore

E il Presidente del Consiglio? Veste ancora una volta gli abiti del mediatore cercando di trovare la sintesi che metta tutti d’accordo. “La riforma del catasto si farà, perché all’archivio degli immobili italiani serve un aggiornamento e più trasparenza, ma non porterà a nuove tasse sulla casa. Questo il doppio punto fermo del governo sulla delega fiscale che rassicura il centrodestra, con i tecnici del MEF a lavoro su una nuova bozza  e un incontro in agenda. 

Scalda i motori, pronta per approdare in Aula alla Camera, anche la riforma del Csm: al termine di un faticoso percorso ad ostacoli in commissione Giustizia, con Italia viva che si è sfilata, dal testo non blindato potrebbe “regalare” nuove tensioni sul fronte emendamenti. 

Intanto, riposo forzato per il Presidente del Consiglio, positivo asintomatico al Covid. Salta anche il viaggio in Africa centro-meridionale, in programma mercoledì 20 e giovedì 21 aprile, nell’ambito della strategia di diversificazione nell’approvvigionamento di gas sulla quale il Governo è al lavoro. A rappresentare Roma, toccherà ai ministri Luigi Di Maio e Roberto Cingolani.