Bonus assunzione di beneficiari del Reddito di cittadinanza

Con la circolare INPS 104/2019 l'Inps fornisce le istruzioni per la fruizione del bonus, nonchè i requisiti e le condizioni per fruire dello sgravio per l'assunzione dei beneficiari del Reddito

Associazione Giovani Consulenti del Lavoro di Pavia

Associazione Giovani Consulenti del Lavoro di Pavia Consulenti del lavoro

La tanto attesa circolare è stata pubblicata nella serata del 19 luglio dall’INPS nella quale sono fornite tutte le istruzioni per la fruizione del bonus, nonchè i requisiti e le condizioni per fruire dello sgravio per l’assunzione dei beneficiari del Reddito di cittadinanza.

Il bonus in questione è riconosciuto in caso di assunzione a tempo indeterminato ed a tempo pieno anche con contratto di apprendistato e prevede:

  • esonero dal versamento dei contributi previdenziali ed assistenziali a carico del datore di lavoro e del lavoratore, con esclusione dei premi dovuti all’INAIL, per un importo pari alla differenza tra 18 mensilità di Rdc e le mensilità già godute dal beneficiario e con un tetto massimo mensile pari a 780,00 euro;
  • incremento di un ulteriore mensilità in caso di assunzione di donne e di soggetti svantaggiati;
  • La durata dell’incentivo varia in funzione del periodo di fruizione del Rdc già goduto dal lavoratore assunto. Nello specifico, la durata dell’incentivo è pari alla differenza tra 18 mensilità e le mensilità già godute dal beneficiario del Rdc fino alla data di assunzione, con un minimo pari a cinque mensilità

( es. importo minimo 3.900 euro in caso di assunzione di beneficiario avente diritto all’importo pieno ).

Il diritto all’incentivo in questione è inoltre subordinato al rispetto, da parte dei datori di lavoro delle seguenti condizioni:

  • il datore di lavoro deve realizzare un incremento occupazionale netto del numero di dipendenti assunti a tempo indeterminato;
  • l’assunzione non deve violare il diritto di precedenza e non deve essere attuazione di un obbligo preesistente, non deve inoltre riguardare soggetti licenziati, nei sei mesi precedenti, da parte di aziende aventi assetti proprietari coincidenti con il nuovo datore di lavoro e presso il datore di lavoro non devono essere in atto sospensioni dal lavoro connesse ad una crisi o riorganizzazione aziendale;
  • il datore di lavoro deve risultare in regola con gli obblighi contributivi e assicurativi.

La circolare INPS dedica inoltre grande spazio alle ipotesi di restituzione del bonus da parte dell’impresa in caso di licenziamento del lavoratore nei 36 mesi successivi all’assunzione.

L’importo che il datore di lavoro dovrà restituire è pari all’intero ammontare dell’incentivo usufruito maggiorato di sanzioni civili.

L’obbligo di restituzione si applicherà nel caso di interruzione del rapporto di lavoro durante il periodo di prova, nonché nel caso in cui il licenziamento non sia dettato da giusta causa o giustificato motivo e per quanto riguarda gli apprendisti la restituzione si applicherà anche nel caso di recesso dal contratto da parte del datore di lavoro al termine del periodo formativo.

Dovrà inoltre essere restituito il beneficio in caso di dimissioni per giusta causa in quanto l’interruzione del rapporto di lavoro non è riconducibile alla volontà del lavoratore.

Il diritto a fruire del bonus viene riconosciuto solo qualora il lavoratore non venga licenziato nei 36 mesi successivi all’assunzione pena la restituzione dell’importo maggiorato di sanzioni.

Per l’inoltro della domanda all’INPS sarà necessario attendere una nuova pubblicazione che permetterà anche di conoscere l’importo esatto e la durata dello sgravio; ma per il momento una regola fondamentale è che il datore di lavoro abbia comunicato tramite il portale Anpal i posti disponibili e vacanti in azienda attraverso l’area riservata My Anpal nella piattaforma domanda e offerta di lavoro.

A cura di Pamela Damaschi
Consulente del Lavoro 

Associazione Giovani Consulenti del Lavoro Pavia

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Bonus assunzione di beneficiari del Reddito di cittadinanza