Come funziona la permuta immobiliare

Scopri cosa si intende per permuta della casa, come funziona e i vantaggi della procedura

Foto di Virginia Manca

Virginia Manca

Web Content Writer

Da sempre ho avuto due forti passioni: le materie economiche-giuridiche e il mondo digitale. Partendo da questo ho deciso di unire in sinergia i due ambiti, trasformandoli nella mia professione attuale.

La permuta della casa è quella particolare procedura che permette di scambiare la propria casa con quella di un’altra persona. Si tratta di una pratica che non viene praticata molto spesso in Italia, ma sta riscontrando un notevole successo soprattutto negli ultimi anni. Questo perché possiede innumerevoli vantaggi rispetto ai pochi rischi, e ad altre pratiche immobiliari.

Vediamo dunque in questa guida che cos’è la permuta immobiliare, come funziona nel dettaglio e quali sono le tasse da pagare. Riuscendo così a capire come sfruttare al meglio questa operazione, soprattutto nel caso permuta immobiliare con il costruttore o nelle classiche compravendite.

Che cos’è la permuta della casa

La permuta della casa è lo scambio della propria abitazione con l’immobile di un’altro proprietario. Nonostante le apparenze, si tratta di un’operazione del tutto legale, che trova la sua disciplina nell’articolo 1552 del Codice Civile, che appunto sostiene: “La permuta è il contratto che ha per oggetto il reciproco trasferimento della proprietà di cose, o di altri diritti, da un contraente all’altro.”

Generalmente la classica compravendita immobiliare prevede uno scambio a titolo oneroso, ma in questo caso ciò non avviene, in quanto si realizza uno scambio tra due immobili.

Bisogna precisare però che quando avviene la permuta immobiliare è molto difficile che i due beni scambiati abbiano lo stesso valore. Dunque, per regolarizzare la procedura, è indispensabile che uno dei due proprietari compensi la differenza di prezzo. Da questo infatti si può affermare che esistono due tipologie di permuta:

  1. la permuta pura: che non prevede nessuna integrazione di denaro.
  2. la permuta con conguaglio: mediante il versamento della differenza di valore.

Come funziona la permuta immobiliare

L’articolo 1555 del Codice Civile stabilisce che: “Le norme stabilite per la vendita (art. 1470 C.C.) si applicano alla permuta, in quanto siano con questa compatibili”. Anche se le due operazioni differiscono per un aspetto molto importante, ovvero lo scambio non avviene mediante il corrispettivo di un prezzo, ma attraverso il reciproco trasferimento della proprietà dell’immobile.

Nonostante si tratti di un’operazione regolare e molto conveniente rispetto alla classica compravendita, vi sono anche degli svantaggi non indifferenti. Infatti spesso risulta complesso che possano verificarsi le condizioni per cui possa essere effettuata la permuta della casa. In particolare:

  1. l’immobile non deve essere gravato da ipoteche o mutuo;
  2. deve esserci un reciproco interesse per gli immobili dell’acquirente e del venditore;
  3. le due case devono avere un valore di mercato molto simile, così da evitare un conguaglio eccessivo.

Ad ogni modo, esattamente come per la compravendita, è necessario stipulare un contratto preliminare di permuta, in cui devono essere indicate le condizioni e i termini per eseguire il passaggio degli immobili.

Generalmente si effettua la permuta immobiliare tra privati, ma nel caso in cui non si riesca a trovare una controparte adeguata si può procedere con la permuta della casa con l’agenzia immobiliare.

La permuta immobiliare: ecco i vantaggi di questa procedura

Dopo aver analizzato come funziona la permuta della casa e aver elencato alcuni elementi critici, bisogna precisare che questa operazione possiede anche numerosi vantaggi. In particolare:

  1. la permuta permette di risparmiare sulle spese notarili, infatti verrà effettuato solamente un atto al posto di due (uno per la vendita e uno per l’acquisto di un nuovo immobile);
  2. se i due immobili possiedono il medesimo valore non deve essere effettuato nessun conguaglio, o in alternativa la possibile attivazione di un mutuo;
  3. le imposte sulla permuta sono divise in misura uguale tra le due parti.

Inoltre è possibile eseguire la permuta immobiliare con il costruttore, questo significa che l’acquirente si trova a cedere un vecchio appartamento in cambio di una nuova costruzione.

Ma non solo, in questo caso la permuta può avvenire anche con un terreno e un immobile da costruire. L’impresa edile si impegna a realizzare una o più unità immobiliari sul terreno dell’acquirente, con la promessa di trasferirgli la proprietà di una delle abitazioni.

Questa particolare tipologia di permuta si qualifica come permuta di un bene presente con un bene futuro. Ad ogni modo, per tutelarsi da un possibile fallimento dell’impresa o dai rischi di inadempienza, il proprietario del terreno propone di firmare un contratto preliminare, affermando che questo si dichiara concluso solo al passaggio di proprietà dell’immobile realizzato.