Mutui e inflazione: conviene tasso fisso o variabile?

L’impennata dei tassi si riflette sulle spese a carico di chi oggi accende un finanziamento per l’acquisto della prima casa, in particolare sul tasso Eurirs.

L’impennata del BTP attorno al 3% sulla scia del trend dei rendimenti dei bond a livello internazionale e l’aumento dello Spread sino a quasi 200 punti non lascia indenne il mercato del credito, in particolar modo quello dei mutui per l’acquisto di un’abitazione che diventano sempre più cari su tutte le scadenze.

Registrati per continuare a leggere GRATIS questo contenuto