Mutui a tasso zero o negativo: dove conviene acquistare casa

Alcuni istituti di credito danesi hanno iniziato a vendere mutui con tasso negativo. Il perché è sorprendente.

Nell’ultimo mese, i tassi di interesse sui mutui bancari sono letteralmente crollati. Le decisioni della BCE hanno spinto Euribor ed Eurirs ai minimi di sempre e la tendenza ribassista dovrebbe andare avanti ancora per diverse settimane.

A beneficiarne è principalmente il mercato immobiliare: con i mutui a tasso fisso o a tasso variabile al loro minimo, sono sempre di più gli italiani che decidono di comprare casa. Secondo i dati ISTAT e Agenzia delle Entrate, nel primo trimestre 2019 il settore della compravendita di immobili è cresciuto mediamente dell’8,4% (8% secondo l’Istituto di Statistica e 8,8% secondo l’AER), favorito anche dalla discesa dei prezzi al metro quadro. Insomma, un quadro idilliaco che fa contento sia chi deve vendere sia chi deve acquistare.

E dire che, in quest’ultimo caso, gli acquirenti italiani non sono neanche tra i più fortunati. In alcune nazioni europee, infatti, è possibile ottenere un mutuo immobiliare a tasso zero. O, nei casi più convenienti, sarà possibile ottenere denaro in prestito a tasso negativo. Detto in parole più semplici, chi ottiene un mutuo dovrà restituire al massimo la cifra che ha chiesto in prestito o, addirittura, restituire meno soldi di quanti ne ha ottenuti. E se pensate che sia l’ennesima fake news o una notizia troppo bella per essere vera, vi sbagliate alla grande.

Il Paese nel quale è possibile ottenere un mutuo a tasso zero o con tassi negativi è la Danimarca. Jyske Bank, uno dei maggiori istituti di credito del Paese scandinavo, ha recentemente lanciato mutui ventennali a tasso 0 e si prepara a offrire mutui a 30 anni con tasso di interesse negativo. Se le autorità di controllo dovessero dare il benestare, i cittadini danesi – o chi vuole comprare casa in Danimarca – potrebbe richiederlo già a partire dalle prossime settimane.

Ma come è possibile che la banca danese riesca a offrire prodotti immobiliari così a buon prezzo? Diverse le ragioni di questa strana congiuntura. Prima di tutto, dal particolare meccanismo con i quali vengono erogati i mutui in Danimarca e nel nord Europa in generale. Nei Paesi scandinavi, il mutuo viene  finanziato con l’emissione di obbligazioni coperte dall’ipoteca immobiliare. Nelle ultime settimane Jyske Bank ha presentato sul mercato un’obbligazione di questo genere con cedola negativa, trovando una risposta più che positiva da parte degli investitori. Questo consente alla banca di prestare soldi senza chiederne indietro o, addirittura, chiedendone meno di quanti prestati.

A questo meccanismo economico-finanziario va affiancata anche una nuova strategia commerciale, che vede nei mutui una sorta di esca per “pescare” clienti e fidelizzarli, così da poter poi proporre dei prodotti che garantiscono alla banca un margine di profitto maggiore. Come, tanto per rimanere in tema, delle polizze per coprire le spese del mutuo in caso di disgrazie.

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Mutui a tasso zero o negativo: dove conviene acquistare casa