Glossario per l’edilizia libera: cos’è e a cosa serve

È stato pubblicato sulla Gazzetta ufficiale il glossario per l'edilizia libera: ecco cosa dice

Sulla Gazzetta ufficiale è stato pubblicato il glossario per l’edilizia libera: un elenco di 58 interventi di edilizia che si possono realizzare senza autorizzazioni o comunicazioni.

Il glossario semplifica il riconoscimento delle opere che possono essere eseguite senza alcun titolo abilitativo. Per tali interventi è comunque necessario rispettare le prescrizioni urbanistiche e le normative del settore, come le norme antisismiche, antincendio, igienico-sanitarie, di tutela dei beni culturali.

L’elenco di 58 voci è pubblicato insieme al decreto del Ministero delle Infrastrutture del 2 marzo 2018, pubblicato in Gazzetta ufficiale il 7 aprile e in vigore dal 22 aprile 2018. Già il decreto legislativo 222 del 2016 aveva previsto l’introduzione del glossario: il “decreto Scia 2” demandava al decreto del Ministero delle Infrastrutture la realizzazione di un “elenco delle principali opere edilizie, con l’individuazione della categoria di intervento a cui le stesse appartengono e del conseguente regime giuridico a cui sono sottoposte”.

Il glossario dettaglia meglio le attività inserite nella categoria di “edilizia libera” già nel “decreto Scia 2”. Nel 2006 erano stati inseriti alcuni interventi che precedentemente erano soggetti alla Comunicazione di inizio lavori, che è stata abolita dallo stesso decreto.

Tra le 58 attività elencate nel glossario, sono presenti la sostituzione di pavimentazioni esterne ed interne, il rifacimento di intonaci interni ed esterni, il rinnovamento di grondaie, la sostituzione di rivestimenti interni, esterni e serramenti. Non è soggetta ad autorizzazioni nemmeno la sostituzione di inferriate, di ringhiere o elementi antintrusione.

Non richiedono comunicazione né autorizzazione la messa a norma degli impianti elettrici la riparazione o la sostituzione delle coperture, così come la distribuzione del gas, igienico-sanitari, di illuminazione esterna, di protezione antincendio e di climatizzazione. Sono attività edilizie libere anche l’installazione di pannello solari e fotovoltaici o l’installazione di gazebo, ripostigli per attrezzi e pergolati, se di limitate dimensioni e non fissi stabilmente al suolo, e arredi da giardino, come fontane, panche, muretti.

Il glossario unico verrà completato da successivi decreti “in relazione alle opere edilizie realizzabili mediante Cila, Scia, permesso di costruire e Scia in alternativa al permesso di costruire” è scritto nella comunicazione della Gazzetta ufficiale. Si attende quindi un secondo glossario, a patto che il prossimo governo voglia continuare nell’impegno di semplificare la materia edilizia.

Glossario per l’edilizia libera: cos’è e a cosa serv...