Comprare casa conviene anche nel 2020?

Per saperlo dobbiamo guardare prima di tutto al mercato immobiliare, tra prezzi e offerta, e poi alla situazione dei mutui.

Conviene comprare casa nel 2020? Per saperlo innanzitutto dobbiamo considerare che il settore immobiliare sta conoscendo una certa ripresa, seppur lenta, nonostante un quadro economico complessivamente non positivo.

Secondo gli ultimi dati raccolti dall’Eurostat, il mercato immobiliare segna un miglioramento, dato dall’aumento dell’indice dei prezzi degli immobili pari al 4,2% in media nella zona euro e anche dall’incremento dei prezzi delle nuove case.

Offerta immobiliare e prezzi

Per quanto riguarda l’Italia, l’offerta immobiliare è alta, addirittura tre volte superiore alla domanda. Lo Stivale è l’unico Paese europeo in cui i prezzi delle case sono ai minimi storici, escluse solo alcune città che fanno eccezione. I prezzi delle case sono particolarmente vantaggiosi: registrano infatti una costante contrazione negli ultimi anni, sfiorando persino un -20% se guardiamo i dati dal 2011 a oggi. Tuttavia, ora le cose stanno un po’ cambiando.

Già nella prima parte del 2019 sono arrivati alcuni segnali positivi dal mercato immobiliare: domanda in crescita (qui trovate tutte le novità per il 2020), contrazione dei tempi di vendita, prezzi in ripresa in alcune realtà e canoni di locazione più elevati. Dal 2010, per la prima volta, gli affitti sono in aumento su tutte le tipologie, sia monolocali (+2,3%), che bilocali, che trilocali (+1,8%).

Quanto rendono le case

Dunque, mentre i prezzi continuano ad essere tendenzialmente bassi, e di conseguenza vantaggiosi per chi compra, si stanno leggermente rialzando rispetto a prima, il che significa che la ripresa c’è e il mercato non è fermo.

Secondo le previsioni i prezzi delle case cresceranno a Milano nei prossimi mesi, mentre a Roma e nelle altre grandi città dovrebbero restare sostanzialmente stabili o al massimo in lievissima ripresa. In Italia, la redditività annua lorda di una casa è mediamente del 5,9%, che diventa il 3% circa se consideriamo il netto. A Milano, siamo intorno al 2,9%, a Roma 2,6%.

L’indagine

Secondo uno studio appena pubblicato da Tecnocasa, comprare un immobile per investimento e mantenerlo nel tempo garantisce comunque un capital gain (cioè una plusvalenza) e allo stesso tempo permette di ottenere mediamente un rendimento annuo lordo di circa il 5% per un bilocale (2,5% circa netto).

Tecnocasa ha svolto la sua indagine in 10 grandi città italiane: Bari, Bologna, Firenze, Genova, Milano, Napoli, Roma, Palermo, Torino,Verona. Si nota ad esempio come sia estremamente vantaggioso acquistare un bilocale nelle zone un po’ periferiche delle grandi città: si sfiorano punte del 7% di rendimento annuo lordo a Milano, del 10% a Roma e dell’8% a Napoli. Nelle zone centrali non si va oltre il 4%.

Conviene comprare casa?

Questa situazione data da una grande offerta, prezzi bassi ma in ripresa e mutui a tassi decisamente vantaggiosi (ecco cosa cambia sui mutui prima casa con la Manovra 2020) spinge a rispondere affermativamente alla domanda iniziale: e dunque, anche il 2020 è un buon anno per comprare casa, sia essa prima casa o seconda da investimento.

Vi ricordiamo solo di prestare molta attenzione e valutare attentamente tutti i costi complessivi.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Comprare casa conviene anche nel 2020?