Caro bollette, vertice a Palazzo Chigi per taglio immediato dal 1° ottobre

Per il Ministro Cingolani, al di là dell'intervento immediato per mitigare il costo sulle famiglie, occorre lavorare sulle componenti strutturali della bolletta

E’ in arrivo un taglio immediato delle bollette a partire dal 1° ottobre. Lo ha assicurato il Ministro Stefano Cingolani, dopo aver lanciato l’allarme “caro bollette” qualche giorno fa. Il numero uno del dicastero, impegnato a portare avanti la transizione ecologica ed energetica, ha detto che è in corso un vertice a Palazzo Chigi,  con il Premier Mario Draghi ed il Ministro dell’Economia Daniele Franco, per scrivere un provvedimento che punta a tagliare il costo dell’energia di 3 miliardi già nel terzo trimestre.

Mitigare rincari dal 1° ottobre

“È sotto gli occhi di tutti che il gas stia aumentando in maniera costante essendo la materia prima per produrre elettricità e noi ne avremo un effetto importante sulla bolletta”, ha ricordato il Ministro intervistato a Radio Anch’io, spiegando che “circa l’80% degli aumenti vengono dal gas”.

“C’è da mitigare innanzitutto il trimestre, perché a fine mese il trimestre chiude e avremo i numeri precisi, ma sappiamo che l’aumento è importante e questo succede in tutto il mondo e in tutta Europa”, ha sottolineato Cingolani, ricordando che il primo intervento per congelare i costi “nell’immediato” è agire sulla voice “oneri di sistema” come è stato fatto anche lo scorso trimestre.

Ma l’obiettivo restano gli interventi strutturali

Cingolani ha poi ricordato che si punta ad un intervento più strutturale. “Questi aumenti di costi – ha detto – sono aumenti che rimarranno in bolletta per cui bisognerà lavorare sulla parte strutturale”. Per fare questo – ha spiegato – “bisogna ragionare su come viene costruita la bolletta e qui va un po’ riscritto il metodo di calcolo. Lo stiamo facendo in queste ore. Stiamo lavorando”.

Luce e gas: ecco chi spende di più

Nel corso del 2020, causa pandemia e lockdown, gli aumenti maggiori in bolletta si sono registrati sull’elettricità, mentre il gas è rimasto sostanzialmente stabile, ma la situazione è destinata a ribaltarsi quest’anno. Lo conferma un’analisi retrospettiva di facile.,it.

Lo studio evidenzia che la bolletta elettrica è salita del 7,5% raggiungendo i 505,40 euro, mentre sul fronte del gas i consumi sono rimasti sostanzialmente stabili attorno ai 734,30 euro. Il conto totale è di 1.239,71 euro a famiglia. Ma quali sono le regioni italiane che nel 2020 hanno speso maggiormente?

Per l’elettricità al primo posto si posiziona la Sardegna, con un consumo medio a famiglia ari a 3.266 kWh che, sotto regime di tutela, corrisponde ad un costo totale di 584 euro, vale a dire il 15,6% in più rispetto alla media nazionale. Al secondo posto si posiziona il Veneto, dove il consumo medio rilevato è pari a 3.027 kWh e la bolletta a 542 euro. Le regioni dove invece i consumi di elettricità sono più contenuti, e quindi le bollette più leggere, sono la Valle d’Aosta, dove nel 2020 le famiglie hanno speso, in media, 399 euro a fronte di un consumo di 2.231 kWh e la Liguria (2.404 kWh e un costo annuo di 430 euro).

Nel mercato del gas, il conto più alto è per il Trentino-Alto Adige, dove una famiglia media ha speso 935 euro l’anno. Seguono, parimerito, i residenti in Emilia-Romagna e Piemonte (931 euro). Guardando la graduatoria nel senso opposto, invece, si trovano la Campania, regione dove una famiglia media ha speso, nel 2020, “solo” 631 euro, la Puglia, dove il costo della bolletta è stato pari a 641 euro e il Lazio (678 euro).

Il mercato libero: ma conviene?

L’analisi dei consumi del 2020 ed una comparazione delle tariffe del mercato libero, per chi lo ha già scelto, mettono a nudo una maggiore convenienza rispetto al mercato tutelato. A dirlo sono le simulazioni di Facile.it, sulla base delle tariffe attualmente in vigore ed  parità di consumi, guardando alla miglior tariffa del mercato libero: una famiglia potrebbe risparmiare fino al 16% per la bolletta elettrica e fino al 13% per quella del gas.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Caro bollette, vertice a Palazzo Chigi per taglio immediato dal 1° ot...