Caratteristiche del contratto di locazione 4+4

Scopri i requisiti del contratto d'affitto 4+4 e le condizioni di giusta causa per la disdetta

Il contratto d’affitto 4+4 è una tipologia di contratto per locazione che è caratterizzato da una lunghezza limitata e da un’autonomia ridotta. Infatti in questo tipo di affitto le parti sono libere di scegliere alcune condizioni del contratto, come l’entità del canone, ma non la durata dello stesso. Perciò la caratteristica peculiare del contratto 4+4 è proprio la sua durata.

Le tipologie di contratti sono molte e presentano ognuna scadenze, requisiti e vantaggi differenti. Quindi possono essere scelti i tipi di contratto a seconda degli accordi tra le parti, alle caratteristiche dell’immobile, alla durata richiesta e al corrispettivo. Ad esempio, possono esserci anche contratti di locazione ad uso transitorio, perfetti per gli studenti universitari che necessitano dell’immobile per breve tempo. In questo caso la durata del contratto può variare dai 6 mesi ai 3 anni.

Senza dubbio l’affitto 4+4 è uno dei più longevi e per questo scelto da moltissime persone in Italia. Ecco maggiori informazioni sull’argomento.

Contratto locazione 4+4: come si redige

Certamente il primo passo per redigere correttamente il contratto d’affitto 4+4 è l’accordo tra le parti. Difatti grazie al confronto tra il proprietario e l’inquilino è possibile individuare le condizioni adatte ad entrambe le parti. Non sempre è necessaria la presenza di un notaio o un avvocato per la scrittura di un contratto, ma è fondamentale che vi sia la firma delle parti. Nonostante l’intervento di un professionista non sia obbligatorio, è però sicuramente consigliato al fine di evitare errori o controversie.

Tra le caratteristiche che potrebbero cambiare nel contratto ci sono il numero di locatori, ad esempio nel caso in cui un immobile sia intestato a più persone. In questa situazione sono necessarie le firme di entrambi. Quindi nel caso di comunione di beni tra coniugi invece è indispensabile il consenso tra i partner.

Inoltre per procedere con il rinnovo del contratto d’affitto 4+4 o la stipula del primo accordo è fondamentale che nel contratto si faccia riferimento all’uso abitativo dell’immobile. Quindi per le aziende, i magazzini, gli uffici o i negozi queste formule non sono valide. In più tra i documenti necessari possono esserci gli attestati di prestazione energetica e di agibilità.

Registrare l’affitto 4+4

Un contratto di affitto 4+4 per essere valido non deve solo essere scritto e controfirmato dalle parti. È di estrema importanza per la validità del documento che venga registrato presso l’Agenzia delle Entrate entro e non oltre 30 giorni dal giorno della stesura e della firma. In seguito alla registrazione hai 60 giorni per poter comunicare l’avvenuta registrazione all’amministratore di condominio.

Se il contratto di locazione 4+4 non viene registrato correttamente o si va oltre i 30 giorni, le conseguenze possono essere diverse. La più frequente è che il documento non venga definito valido quindi aumenta il rischio di un affitto in nero. Perciò in questo caso potrebbe essere valido l’accordo tra le parti ma i soggetti non potrebbero procedere in tribunale in caso di sfratto o di modifiche al canone di affitto.

Contratto affitto 4+4: le caratteristiche

Il termine del contratto d’affitto 4+4 non è previsto dalla legge. Infatti questa formula prevede una durata minima dell’affitto, ma non impone un tetto massimo di rinnovi del contratto. Quindi, nonostante il tempo minimo di affitto sia di 4 anni, quello massimo non è descritto nella legge che prevede solo il rinnovo di quattro anni.

Il rinnovo del contratto d’affitto 4+4 è automatico dopo i primi 4 anni. Nello specifico infatti è ad opera del conduttore recedere dal contratto con una comunicazione di almeno 6 mesi prima del termine, in caso contrario il rinnovo è automatico. Dopo questo primo periodo infatti è il locatario che ha il potere di recedere dalle condizioni dell’affitto.

Il locatore, quindi il proprietario del bene, potrà richiedere il mancato rinnovo solo in alcuni casi unici, come:

  • il necessario utilizzo dell’immobile dal locatore;
  • opere di ristrutturazione o demolizione dell’edificio;
  • l’intenzione di vendita dell’immobile;
  • il mancato utilizzo da parte del locatario.

Dopo 8 anni dalla stipula del contratto di locazione 4+4, entrambe le parti sono libere di disdire. Però anche in questo caso la comunicazione della disdetta deve essere fatta almeno 6 mesi prima della scadenza dell’affitto.

Disdetta contratto di affitto 4+4

Come anticipato la disdetta del contratto d’affitto 4+4 è permessa solo al locatario nei primi 8 anni di affitto. In questo caso è necessaria la condizione di giusta causa, soprattutto se viene presentata prima del rinnovo. Tra le condizioni di una disdetta per giusta causa ci sono:

  • oggettività per l’impedimento a proseguire con l’affitto;
  • elementi non dipendenti dall’inquilino;
  • impedimento non prevedibile.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Caratteristiche del contratto di locazione 4+4