Bonus casa verso la proroga al 2016

La Legge di stabilità 2016 dovrebbe portare in dono agli italiani la proroga dei bonus fiscali sulla casa

La Legge di stabilità 2016 dovrebbe portare in dono agli italiani la proroga dei bonus fiscali sulla casa, ossia delle detrazioni dall’Irpef al 50% e al 65% nonché del bonus mobili. Il governo punta alla ripresa dell’edilizia come pilastro della politica economica per la crescita. Lo ha affermato il premier Matteo Renzi alla direzione del Pd, ribadendo, nondimeno, la Nota di aggiornamento al Def, il cosiddetto Documento di Economia e Finanza.

Detrazione per interventi di ristrutturazione e bonus mobili: proroga al 2016?
Il beneficio in esame, per gli italiani, in realtà, non è in discussione dal momento che la detrazione fiscale riguardante le spese per interventi di ristrutturazione edilizia, dal 1° gennaio 2012, è stata resa permanente dal decreto legge n. 201/2011 e inserita tra gli oneri detraibili dall’Irpef. Anche in assenza di proroga, quindi, la detrazione pari al 36% delle spese sostenute, fino a un ammontare complessivo delle stesse non superiore a 48.000 euro per unità immobiliare, sopravvive comunque. In merito, si ricorda che il decreto legge n. 83/2012, per le spese effettuate dal 26 giugno 2012 al 30 giugno 2013, ha innalzato sia la misura della detrazione portandola dal 36% al 50%, sia l’importo massimo di spesa ammessa al beneficio da 48.000 euro a 96.000 euro.

In tema di proroga, va detto che la legge n. 190 del 2014, cosiddetta Legge di stabilità 2015, ha prorogato al 31 dicembre 2015 la possibilità di usufruire della maggiore detrazione Irpef, pari al 50%, confermando il limite massimo di spesa di 96.000 euro per unità immobiliare e della detrazione del 50% per l’acquisto di mobili e di grandi elettrodomestici di classe non inferiore alla A+ (A per i forni), finalizzati all’arredo di immobili oggetto di ristrutturazione. Tuttavia, in assenza di un provvedimento che proroghi la maggiore percentuale del 50% e il limite di euro 96.000, gli italiani potranno beneficiare “soltanto” dei minori limiti previsti nel testo unico (36% ed euro 48.000).

DETRAZIONE PER INTERVENTI DI RISARMIO ENERGETICO – Sempre al 31 dicembre 2015, è consentito al contribuente beneficiare della detrazione fiscale per gli interventi di riqualificazione energetica degli edifici, nella misura del 65%, ricomprendendo tra gli interventi agevolati anche l’acquisto e la posa in opera di schermature solari, nel limite di 60.000 euro, e gli impianti di climatizzazione invernale dotati di generatori di calore alimentati da biomasse combustibili, nel limite di 30.000 euro.

LE IPOTESI – Considerato che il termine per beneficiare delle agevolazioni sopra descritte è quello del 31 dicembre prossimo, in questi ultimi giorni, il governo ha fatto intendere che, nella prossima Legge di stabilità 2016, avrebbe inserito la disposizione che rinnova il beneficio del cosiddetto bonus casa e prevede un ampliamento della detrazione pari al 65%, al settore pubblico e agli alloggi popolari. Inoltre, sembra sempre più certa l’estensione del bonus mobili per l’acquisto di mobili nuovi e grandi elettrodomestici anche alle giovani coppie che stipulano un contratto di affitto.

Alessandra Caparello

Leggi anche:
Bonus casa 36-50%. Cosa accade in caso di vendita o eredità
Ecobonus e ristrutturazioni, come detrarre le spese. Istruzioni
Prima casa: tutti i benefici, dal fisco a Equitalia
Caldaie, dal 26 settembre nuove regole: cosa cambia
Il Fisco può pignorarci gli animali domestici? Chiarimenti
Reati tributari e sanzioni: tutte le novità della delega fiscale
L’allarme delle Imprese: “Nel Def stangata da 107 miliardi”
Renzi annuncia la manovra: addio detrazioni?

 

Bonus casa verso la proroga al 2016