Affitti: il canone concordato piace sempre di più

Lo rivela una ricerca di Solo Affitti sul contratto 3+2 : è boom a Verona, stenta a Milano e Napoli

(Teleborsa)Affittare casa, a maggior ragione in un periodo in cui l’instabilità economica fa la voce grossa, è un passaggio delicato sia per i proprietari che per i futuri inquilini che, però, sembrano aver individuato la “formula” giusta: il canone concordato mette (sempre più)  d’accordo tutti.

Lo rivela un’analisi di Solo Affitti, secondo la quale al 30 aprile 2017 il canone concordato, che prevede una durata minima di 3 anni, al termine dei quali, se non c’è disdetta, si rinnova automaticamente per altri 2, è stato il più utilizzato tra nuovi i contratti d’affitto stipulati nel nostro Paese con una percentuale del 53,9%, in lieve crescita rispetto allo stesso periodo del 2016 (53,4%).

Verona regina – E’ Verona  la città italiana dove è più diffuso (99%) il ricorso al canone concordato, seguono Grosseto (96%) e Forlì (93%). Fino all’anno scorso questa tipologia di contratto poteva essere stipulata solo nei comuni delle 11 aree metropolitane, nei comuni capoluogo di provincia e nei comuni ad alta densità abitativa.

Le novità introdotte dal Governo in tema di canone concordato – spiega Silvia Spronelli, presidente di Solo Affitti – permettendo la stipula del contratto 3+2 in tutti i comuni e non solo in quelli ad ‘alta tensione abitativa’, determineranno un’ulteriore accelerazione del suo utilizzo. Con il canone concordato locatari e locatori usufruiscono di grossi vantaggi. I primi pagano un affitto inferiore a quello di mercato e usufruiscono di detrazioni fiscali ai fini Irpef nel caso in cui l’immobile diventi residenza principale. I proprietari beneficiano di agevolazioni fiscali utilizzando la cedolare secca al 10% anziché quella al 21% prevista per i canoni liberi”.
Il canone concordato è molto apprezzato soprattutto nel Centro e Nord Italia, mentre per  trovare la parte bassa dello Stivale, bisogna scendere fino a Sassari, dove quasi 2 nuovi contratti di locazione su 3 (60%) sono a canone concordato.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Affitti: il canone concordato piace sempre di più