Legge di Stabilità 2016: part time per i lavoratori prossimi alla pensione

Incentivi per chi sceglie l'orario dimezzato ma con contribuzione piena

In attesa dell’annunciato intervento organico in materia di pensione, previsto per il prossimo anno, il Governo ha introdotto nella Legge di Stabilità 2016 alcune “prime misure di sostegno” rappresentate dal part time per i lavoratori senior, dall’innalzamento della no tax area per i pensionati, dalla estensione dell’opzione donna, dal settimo intervento di salvaguardia. In particolare si introduce lo strumento del part time per quei lavoratori che dal 2016 al 2018 maturano 63 anni e 7 mesi di età, esperibile anche sulla base di un accordo individuale con l’azienda.

PART TIME – A partire dal 2016, chi si trova a tre anni dalla pensione (passati i 63 anni e 7 mesi) potrà richiedere il part time mantenendo gli stessi contributi che garantiva l’impiego a tempo pieno. Si tratta di un accordo tra l’azienda e il dipendente con il quale il datore di lavoro si impegna a versare in busta paga sia lo stipendio part time che i contributi (esentasse). “In questo modo il lavoratore arriva a circa il 65 per cento dello stipendio pieno – spiega a “Il Tirreno” il giuslavorista Giampiero Falasca – e non intacca la pensione perché lo Stato garantisce contributi figurativi come se fosse in full time. La convenienza c’è per tutti: il titolare risparmia sullo stipendio e il dipendente anche se lavora la metà prende il 65 per cento dello stipendio. Paradossalmente, potrebbe impiegare il tempo libero in un altro lavoro”.

Vediamo in dettaglio le misure ibnserite nella legge di Stabilità relativamente al tema pensioni, ossia la suddetta possibilità del part time, l’opzione donna, la no tax area per im pensionati e la settima salvaguardia per gli esodati:

PART TIME INCENTIVATO
Chi può ottenerlo: i lavoratori da 63 anni e sette mesi di età Come: su intesa individuale con l’azienda
Come funziona: il lavoratore avrà un orario ridotto al 50% ricevendo in busta paga la contribuzione netta che il datore avrebbe versato all’Inps con il tempo pieno
Quale reddito: il reddito dovrebbe stabilizzarsi sul 65% dell’ultima busta paga intera.

OPZIONE DONNA
Cosa è: è la possibilità di ritiro anticipato dal lavoro con 58 anni e tre mesi di età e 35 di versamenti per le donne che maturino il requisito entro il 2016
Come funziona: scatta il ricalcolo integralmente contributivo del trattamento previdenziale.

ESTENSIONE DELLA NO TAX AREA
Cosa è: aumenta la soglia di reddito entro la quale i pensionati non versano l’Irpef
Pensionati sopra 75 anni: si passa dall’attuale soglia di 7.750 euro a 8.000
Pensionati sotto i 75 anni: si passa dall’attuale soglia di 7.500 euro a 7.750
Quando: questa misura partirà dal 2017.

ESODATI
Salvaguardia: è la settima (e ultima) operazione di tutela e interesserà circa 32.000 esodati
Quanto costa: dovrebbe costare un miliardo e 200.000 euro.

Leggi anche:
Pensione anticipata con il prestito aziendale
Pensione anticipata: come ottenerla riunificando i contributi
In pensione anticipata con taglio del 3% annuo. Il piano del governo

Inps: rivalutazione pensioni senza tagli nel 2015-2016
Così il sistema pensionistico italiano genera disoccupazione

Legge di Stabilità 2016: part time per i lavoratori prossimi alla&nbs...