Sellia, il borgo calabrese che si illumina “a costo zero”

Un paio di scelte oculate e questo paesino di 500 anime in provincia di Catanzaro ha dato una lezione di "buon governo" all'Italia intera

Qualche mese fa Sellia, piccolo borgo calabrese di origine medievale, balzò alle cronache per la meritoria iniziativa del suo sindaco, Davide Zicchinella. Medico (pediatra), 40enne e fortemente intenzionato a preservare la salute dei suoi concittadini. “A Sellia è vietato ammalarsi, tantomeno morire“, avevano titolato in molti.

Check-up periodici obbligatori per tenere sotto controllo il proprio stato di salute e intervenire per tempo in caso di problemi. Questa la regola imposta ai circa 500 abitanti, pena una multa di 30 euro. A qualche mese di distanza Sellia sta facendo di nuovo parlare di sé per un’iniziativa altrettanto lodevole.

Va fatta una premessa: per un paesino italiano, da qualche anno a questa parte, è complicato far quadrare i conti e ancor di più garantire un livello di servizi dignitoso ai propri cittadini. I fondi che arrivano dal Governo sono pochi (circa 100mila euro in meno nell’ultimo quinquennio) e le entrate sono quelle che sono. Ma Sellia è un piccolo miracolo: grazie alla solerzia del primo cittadino e al contributo di tutti (abitanti e amministrazione), nel borgo c’è una rete wi-fi comunale, un efficiente centro prelievi, la raccolta differenziata funziona alla grande, idem il servizio di trasporti.

Mantenere questo standard costa. Zinnichella e la sua giunta si sono rimboccati le maniche e, come riporta catanzaroinforma.it, hanno acceso “un mutuo ventennale con la Cassa Depositi e Prestiti per un importo di 100mila euro, con rata annuale di soli 6mila, per sostituire tutti i corpi illuminanti del paese con luci a Led“. Non solo. Hanno redatto “un valido progetto per avere la quasi certezza di ottenere (e si è ottenuto) un finanziamento con fondi nazionali per realizzare due impianti fotovoltaici su strutture comunali (ex scuola elementare e palestra comunale)”.

Risultato? Sellia è il primo comune della Calabria ad avere un impianto di illuminazione pubblica a bassissimo consumo. Non solo. “Grazie alla messa in rete di due impianti fotovoltaici che a regime produrranno 56 KWH – si legge ancora sul sito – si azzereranno di fatto, anche grazie allo scambio sul posto col gestore, le spese per la bolletta elettrica”. Chapeau.

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Sellia, il borgo calabrese che si illumina “a costo zero&#8...