Oracle dice addio al poco apprezzato plugin Java

Oracle ha annunciato che interromperà il supporto per il plugin Java a partire dal 22 settembre 2016

Oracle ha annunciato che interromperà lo sviluppo del tanto discusso (e poco apprezzato) plugin di Java per i browser, che ha visto la luce negli anni 90 con una funzione molto interessante per le app, ma che successivamente è diventata una spina nel fianco per utenti e amministratori a causa delle numerose falle di sicurezza trovate.

Le aziende che sviluppano i browser più diffusi hanno da tempo pianificato l’abbandono dei plugin NPAPI e l’adozione di standard web più moderni. Microsoft Edge, ad esempio, è il primo browser plugin-free. Microsoft e Google sono stati i primi infatti ad interrompere il supporto in Edge e Chrome, ed attualmente solo Internet Explorer e Safari lo supportano ancora.

Il colosso dei motori di ricerca ha rimosso tutte le tecnologie per le applet Java nel mese di settembre, e Microsoft ha fatto lo stesso sei mesi fa. Mozilla ha annunciato l’intenzione di eliminare il supporto a plugin come Silverlight e Java e Firefox entro la fine dell’anno, mentre Oracle ha annunciato che interromperà il supporto per il plugin Java a partire dal 22 settembre 2016, ovvero quando verrà rilasciata la versione 9 del Java Development Kit (JDK), e la tecnologia verrà completamente rimossa nelle successive release.

Leggi anche:
Rialzo in agguato per Oracle
Apple, per la prima volta dal 2007 in calo le vendite di iPhone
Falla nel sistema di supporto clienti di Amazon. I nostri dati sono in pericolo?

Oracle dice addio al poco apprezzato plugin Java