A Como il primo liceo per artigiani che piace ad aziende e studenti

A Como nasce il primo liceo per artigiani. Non solo studio ma anche lavoro, dall'arte culinaria alla falegnameria passando per il mondo del tessile.

Un liceo per artigiani è forse proprio quello che serve in una società troppo attenta al progresso tecnologico e che si allontana sempre più da tradizioni e sani valori legati al mondo del lavoro. La scuola superiore Oliver Twist di Como per il prossimo anno accademico, ha deciso di aggiungere all’offerta formativa tradizionale alcuni corsi dedicati interamente alle professioni d’altri tempi.

Tutti gli studenti avranno quindi la possibilità di decidere quale strada lavorativa intraprendere sin dal primo giorno, frequentando una scuola-lavoro intesa come filosofia di vita per i ragazzi. Un primato quello del liceo che si trova nel capoluogo della Lombardia, che vede nascere il primo liceo artigianale dedicato alle arti e scienze. Si tratta di una decisione fortemente innovativa e sperimentale che offre agli studenti una duplice alternativa.

Concluso il periodo formativo infatti, oltre al conseguimento del diploma tradizionale avranno anche una certificazione che attesterà le loro competenze in ambito lavorativo. I settori di riferimento inseriti nella programmazione sono tre: arti dell’arredo ligneo, arti della cucina e dell’accoglienza e l’arte del tessile. Ecco nello specifico come si svolgeranno i cinque anni di liceo.

Le materie da studiare saranno quelle tradizionali, italiano, matematica, fisica, informatica, scienze naturali, storia e geografia presenti i primi due anni mentre storia dell’arte con continuità per tutto il quinquennio. Da non sottovalutare l’importanza riservata all’inglese, una materia affrontata con un approccio professionale: docenti madrelingua, aule con lavagne interattive e software specialistici. L’obiettivo è il raggiungimento del livello B1 a conclusione del biennio.

Il contatto con le professioni lavorative avviene sin dal primo anno, tutti gli studenti avranno infatti l’obbligo di frequenza per 210 ore di laboratorio artigianale (scegliendo uno tra i tre settori presentati) e a partire dal secondo anno dovranno sostenere una prova di quanto appreso in aula trascorrendo una settimana al mese in una vera azienda. Un contatto diretto con il mondo del lavoro che rende efficiente questa nuova tipologia di fare scuola che per la prima volta si pone come collegamento diretto tra studio e professione.

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

A Como il primo liceo per artigiani che piace ad aziende e studen...