Zanzara le punge la fronte e la infetta: 21enne muore dopo 5 giorni

La giovane si trovava in Belgio per le prove pratiche per entrare in una compagnia aerea, ma la puntura dell'insetto le è stata fatale

Una puntura di una zanzara sulla fronte è stata fatale per Oriana Pepper, una 21enne inglese morta l’anno scorso in Belgio, ad Anversa, mentre seguiva il suo sogna di diventare un pilota di aerei. L’episodio, avvenuto nel luglio 2021, è balzato negli ultimi giorni agli onori della cronaca per i risultati dell’autopsia che il medico legale ha letto nel corso del processo aperto per chiarire le cause della morte della giovane (qui vi abbiamo parlato del caso del bimbo morto a Sharm El Sheikh).

Punta da una zanzara, cos’è successo

I fatti risalgono al 7 luglio 2021, quando Oriana Pepper si trovava ad Anversa, in Belgio, per effettuare le selezioni da pilota per una nota compagnia aerea. La 21enne, entusiasta e soddisfatta per il cammino che l’aveva portata fino in Belgio per sostenere le prove pratiche, tutto poteva aspettarsi tranne che la puntura di una zanzara potesse stroncare per sempre i suoi sogni e la sua vita. L’insetto, infatti, l’avrebbe punta vicino all’occhio destro, provocando sin da subito una reazione che ha preoccupato la ragazza.

Un gonfiore anomalo sulla fronte, infatti, ha portato la 21enne a rivolgersi alle cure ospedaliere. I medici che l’hanno presa in cura, come da prassi, le hanno prescritto una terapia a base di antibiotici che però non ha funzionato. Nel giro di poche ore la situazione è precipitata, col quadro clinico di Oriana che si è fatto sempre più drammatico. Dopo aver seguito la cura consigliata dai medici, infatti, la giovane è svenuta e ha perso i sensi e non si è mai ripresa.

Il fidanzato, in maniera tempestiva, l’ha portata in ospedale per nuove cure che però non hanno dato gli esiti sperati. Dal momento della puntura alla morte, infatti, sono passati soltanto cinque giorni. I familiari, nello sconforto della tragedia che li ha coinvolti, ha deciso di denunciare il caso per il quale è stato indetto un processo.

I risultati dell’autopsia

La tragica notizia, come detto, è tornata in auge nelle ultime ore per i risultati dell’esame autoptico sul corpo della giovane. Le cause della morte di Oriana Pepper sono infatti state lette dal medico legale Nigel Presley nel corso del processo che si è svolto mercoledì mattina.

Secondo il medico, la 21enne è stata vittima di una sfortunata tragedia di assoluta rarità. Dall’esame avvenuto sul corpo della giovane vittima è emerso che le cause della morte sono riconducibili alla puntura di un insetto che le ha provocato una grave infezione, nello specifico la puntura di una zanzara che l’ha infettata col batterio dello stafilococco aureo (novità sono attese anche dall’autopsia sul corpo del piccolo Andrea, con tanti dubbi sulle condizioni igieniche nel resort egiziano).

La puntura della zanzara, ha spiegato il medico legale, ha provocato a Oriana Peppe una grave infezione vicino all’occhio. La stessa infezione, nel giro di poche ore, si è espansa all’arteria carotide del collo fino a provocare l’occlusione di un’arteria del cervello che ha causato l‘embolia fatale per la 21enne. Nel corso del processo Presley ha sottolineato di non aver mai assistito a un caso come questo.