Migranti, Francia furiosa: “Accogliamo nave ma stop accordi con Italia”

Parigi sospende l'accoglienza dei 3.500 profughi attualmente in Italia: "Riunione con Ue e Germania per trarre conseguenze su comportamento inaccettabile Roma".

La Francia accoglierà “a titolo eccezionale” la nave Ocean Viking della ong Sos Mediterranee con a bordo 234 migranti che arriverà a Tolone domani, dopo essere stata respinta dall’Italia, ha annunciato il ministro dell’Interno francese, Gerald Darmarin. Un terzo dei passeggeri saranno “rilocalizzati” in Francia, ha aggiunto Darmarin denunciando la “scelta incomprensibile” dell’Italia, si legge sull’Adnkronos.

Stop accordo con l’Italia

A fronte di questo “comportamento inaccettabile”, la Francia ha sospeso l’accoglimento di 3.500 rifugiati al momento in Italia.

Vertice in Europa

E dopo la decisione dell’Italia su Ocean Viking, Parigi annuncia discussioni a livello europeo: “La Francia – fa sapere Darmanin – organizzerà nei prossimi giorni, con la Commissione Europea, e con la Germania, una riunione che definirà – nel pieno rispetto del diritto internazionale – un quadro che permetta di trarre le conseguenze dell’atteggiamento italiano, di regolare meglio le azioni di soccorso in mare da parte delle navi delle Ong nel Mediterraneo”.

La Francia chiude i confini

Tra le misure di ritorsione contro l’Italia per la mancata accoglienza dell’Ocean Viking, la Francia assumerà delle misure di “rafforzamento dei controlli alle frontiere” con l’Italia: lo ha annunciato il ministro dell’Interno francese, Gérald Darmanin, aggiungendo che la Francia “trarrà tutte le conseguenze” dell’atteggiamento italiano anche sugli altri aspetti della “relazione bilaterale” tra i due Paesi.

“Accordi da rispettare”

“Ci sono regole in Europa che bisogna anche saper rispettare”: il ministro francese del Lavoro, Olivier Dussopt, intervistato questa mattina da Sud Radio, ha risposto così a una domanda sul caso Ocean Viking. “La regola in Europa è la solidarietà e la regola di solidarietà dice che è lo Stato con il porto più vicino che deve accogliere la nave, in questo caso è l’Italia”, ha dichiarato Dussopt, aggiungendo che “l’Italia ha beneficiato della solidarietà europea: non può essere a senso unico”.

Un’altra fonte francese spiega l’umore a Parigi: “Capiamo che un leader debba parlare al suo popolo e usare certi toni, ma le relazioni diplomatiche internazionali non funzionano così”.

Mentre continua lo scontro diplomatico tra Italia e Francia, 4 migranti sono dovuti sbarcare dall’Ocean Viking per motivi sanitari. Si tratta di tre pazienti e un accompagnatore. A bordo della nave umanitaria, che si trova di fronte alle coste della Corsica, le 234 persone sono state soccorse in sei diverse operazioni nel Mediterraneo centrale soccorse tra il 22 e il 26 ottobre. Tra loro anche 14 donne e 57 minori: 43 hanno affrontato la traversata nel Mediterraneo da soli. Il naufrago più giovane ha appena 3 anni.