In Svezia se ripari e ricicli paghi meno tasse

Una nuova legge svedese prevede la riduzione delle tasse per chi ripara e ricicla anziché buttare

Chi ripara e ricicla, anziché comprare di nuovo, pagherà meno tasse. Accade in Svezia dove è stata lanciata un’originale proposta per evitare gli sprechi e rispettare l’ambiente. Il ministero delle Finanze svedese infatti ha proposto un disegno di legge in base al quale i cittadini che riparano gli oggetti (in particolare gli elettrodomestici altamente inquinanti) invece che buttarli e comprarne di nuovi, avranno una riduzione delle tasse.

Gli incentivi fanno parte di un più vasto progetto che la Svezia sta portando avanti da qualche tempo e ha che lo scopo di ridurre le emissioni di CO2 e l’uso delle risorse. Secondo il piano presentato dal governo a settembre e che entrerà nel bilancio per il 2017, l’imposta sul valore aggiunto (Iva) sarà ridotta dal 25 per cento al 12 per cento per la riparazione di tessuti, scarpe e bici. Ci saranno invece forti deduzioni fiscali per chi decide di riparare i propri elettrodomestici rotti, con un risparmio del 10 per cento sugli interventi di riparazione.

“Crediamo che questo possa abbassare notevolmente i costi e rendere più razionale la scelta di riparare la merce – ha spiegato Blund, il ministro svedese delle Finanze -. Credo che si stia vedendo un cambiamento in Svezia, in questo momento. Vi è una maggiore conoscenza del fatto che abbiamo bisogno di far durare le nostre cose più a lungo, al fine di ridurre il consumo di materiali”.  I nuovi incentivi puntano a diminuire il numero di elettrodomestici buttati e quindi da smaltire. Solo nel 2015, secondo i dati raccolti dal governo di Stoccolma, sono stati recuperati almeno 58mila tonnellate di apparecchi, per un equivalente di sei kg per ogni abitante.

La Svezia ha deciso di raccogliere l’invito dell’Europa riguardo l’economia circolare, che consentirà una riduzione dei costi fino a 380 miliardi. “Nei sistemi circolari i prodotti mantengono il loro valore aggiunto il più a lungo possibile e non ci sono rifiuti – ha spiegato in un comunicato l’Unione Europea -. Quando un prodotto raggiunge la fine del ciclo di vita, le risorse restano all’interno del sistema economico, in modo da poter essere riutilizzate più volte a fini produttivi e creare così nuovo valore”.

In Svezia se ripari e ricicli paghi meno tasse
In Svezia se ripari e ricicli paghi meno tasse