Precompilata 2017 al via con molte voci “automatiche”

(Teleborsa) – Precompitala 2017 al via con centinaia di voci e molte possibilità di detrazione per le famiglie, che dovranno fornire una ricchissima dote di informazioni (circa 800) per poter accedere alle detrazioni previste, che coprono molte voci: dai farmaci alla scuola.

Sono presenti circa 102 miliardi di bonus: di cui si stimano almeno 29 miliardi per le spese sanitarie e 27,8 miliardi per i bonus ristrutturazioni ed energia (questi calibrati a seconda se siano detrazioni piene o detrazioni e diluizioni da spalmare in 10 anni). Poi, circa 18,2 miliardi di contributi previdenziali e circa 10 miliardi di interessi passivi relativi al mutuo per la prima casa.

La grande novità è che da quest’anno moltissimi campi saranno già “valorizzati” e basterà solo verificare l’esattezza degli importi. Dalle spese per il mutuo e per le ristrutturazioni edilizie o energetiche ai contributi pagati a colf e badanti, dai farmaci alle spese universitarie e scolastiche.

Ecco le voci più comuni nel bilancio dei circa 30 milioni di contribuenti presenti in Italia, che da domani potranno accedere al proprio modello, anche se dovranno attendere il 2 maggio (e fino al 24 luglio) per apportare modifiche ed integrazioni o spedire la dichiarazione:

Farmaci da banco, visite specialistiche, spese sanitarie – debuttano quest’anno per la prima volta i farmaci da banco (quelli senza prescrizione medica), che erano stati esclusi dalla precompilata 2016 per ritardi di adeguamento del sistema; inoltre sarà possibile visualizzare i pagamenti/detrazioni per visite specialistiche ed esami diagnostici, per le spese sostenute dall’ottico per occhiali e lenti a contatto, oltre alle altre spese sanitarie in genere.

Spese veterinarie – vengono incluse nella precompilata grazie all’uso della tessera sanitaria sia per l’acquisto di medicinali ad uso veterinario sia per le visite.

Contributi previdenziali e previdenza complementare – entreranno automaticamente nella precompilata i versamenti per forme di previdenza complementare e fondi pensione assieme ai contributi previdenziali ed assistenziali.

Contributi colf e badanti – si potranno inserire nella precompilata anche i contributi versati per i collaboratori familiari.

Interessi passivi sui mutui – inclusi automaticamente gli interessi passivi sui mutui detraibili al 19% fino al tetto di 4 mila euro.

Premi assicurativi – saranno automaticamente inseriti i premi pagati per assicurazioni sulla vita o infortuni e detraibili al 19%.

Spese funebri – detraibili sino ad un tetto di 1.550 euro le spese relative ai costi delle pompe funebri.

Tasse e spese universitarie, spese per asili nido e per lo sport – inserite già in precompilata le tasse pagate alle università pubbliche e private e le spese universitarie in genere, mentre saranno da inserire a mano le spese relative ad affitti per studenti fuori sede che danno luogo a detrazione; non sono automatiche e saranno da inserire a mano sino ad un massimo di 632 euro a figlio le eventuali spese per gli asili nido (pubblici o privati) e sino ad un massimo di 210 euro le spese relative ad attività sportive.

Spese condominio – inserite in precompilata (automaticamente salvo buchi) anche le spese sostenuti dai condomini per ristrutturazioni edilizie e efficienza energetica. 

Spese ristrutturazioni e risparmio energetico – non è automatica e saranno da inserire personalmente le spese (bonifici) per ristrutturazioni e risparmio energetico, detraibili rispettivamente al 50% ed al 65%, presenti solo nel foglietto informativo.

Assegni a favore dell’ex coniuge – saranno da inserire nella precompilata le spese relative a eventuali affitti, spese condominiali ecc. che il giudice abbia disposto a favore dell’ex coniuge. 

Precompilata 2017 al via con molte voci “automatiche”
Precompilata 2017 al via con molte voci “automatiche”