Padoan tira dritto: l’IVA aumenterà

Il ministro ha sostenuto la plausibilità dell’aumento dell’imposta sul valore aggiunto ed al contempo il taglio del cuneo fiscale

Aumento dell’Iva in cambio di un taglio sul cuneo fiscale: è questa l’idea che non piace a Matteo Renzi ma su cui il ministro dell’Economia Padoan sembra orientato a procedere.

L’intervista di Pier Carlo Padoan al Messaggero è rivelatrice e senza perifrasi: “L’idea è quella di scambiare l’aumento dell’imposta sul valore aggiunto con un taglio al cuneo fiscale: Lo scambio tra Iva e cuneo fiscale è una forma di svalutazione interna che beneficia le imprese esportatrici, che sono anche le più competitive, le quali non possono più avvantaggiarsi del tasso di cambio. Si tratta di una ricetta classica – dice il ministro – e siccome io sono un tecnico ricordo che nelle scelte politiche non si possono ignorare gli aspetti tecnici, e viceversa. Diciamo che è un’opzione sostenuta da buone ragioni”.

Le ricadute negative dell’aumento dell’Iva disegnano un quadro anche peggiore di come si immagina: Ricorda la Cgia di Mestre: “Di fronte a una crescita economica ancora molto timida e incerta, l’eventuale aumento dell’Iva condizionerebbe negativamente i consumi interni e conseguentemente tutta l’economia, penalizzando in particolar modo le famiglie meno abbienti“.

Già oggi, segnala la Cgia, siamo tra i principali Paesi dell’area euro ad avere l’aliquota ordinaria Iva più elevata. Se da noi è al 22%, in Spagna è al 21, in Francia al 20 e in Germania al 19. Chi verrebbe penalizzato maggiormente da un eventuale aumento dell’Iva? In termini assoluti sarebbero i percettori di redditi più elevati, secondo gli Artigiani di Mestre, visto che a una maggiore disponibilità economica si accompagna una più elevata capacità di spesa. La misurazione più corretta, tuttavia, si ottiene calcolando l’incidenza percentuale dell’aumento dell’Iva sulla retribuzione netta di un capo famiglia. Adottando questa metodologia, l’aggravio più pesante interesserebbe i percettori di redditi bassi e, a parità di reddito, le famiglie più numerose. Con un incremento di un punto di Iva dal 22 al 23%, ad esempio, una famiglia di 3/4 persone subirebbe un aumento di imposta di circa 100 euro all’anno che, ovviamente, avrebbe delle ripercussioni negative sui consumi interni del paese che costituiscono la componente più importante del nostro Pil.

“Vista la situazione dei nostri conti pubblici – ragionano alla Cgia – è molto probabile che il Governo con la prossima legge di bilancio non sarà in grado di recuperare tutti i 19,5 miliardi necessari per evitare che, dal 2018, l’aliquota Iva del 10 passi al 13 e quella del 22 al 25 per cento. Ricordo che un aumento di un punto dell’aliquota ridotta costa agli italiani poco più di 2 miliardi e quella ordinaria 4. Pertanto, non è da escludere che dei 19,5 miliardi l’esecutivo sia in grado di sterilizzarne solo una parte. E visto che la spesa corrente al netto degli interessi è destinata ad aumentare ancora e gli effetti della spending sono molto contenuti, la quota rimanente dovrà essere recuperata con nuove entrate, ad esempio con la rivisitazione delle deduzioni e delle detrazioni fiscali e con un aumento parziale delle aliquote Iva”. Nuove tasse in arrivo, dunque, e detrazioni in buona parte a rischio.

E dentro il Partito democratico c’è anche chi sostiene che l’ex premier Matteo Renzi possa far saltare la manovra se non sarà quella da lui auspicata, puntando così direttamente alle elezioni in autunno.

Leggi anche:
Aumento IVA al 25%? Ecco quanto ci verrebbe a costare
Iva al 25% nel 2018: la pesante eredità di Renzi
Legge di Bilancio 2017: tutti i numeri della manovra
“Aumento IVA al 25% inevitabile”. Torna l’incubo dei prezzi alti
Tutto sull’IVA
Cuneo fiscale, in Italia al 47,8% ma inferiore alla Germania

Padoan tira dritto: l’IVA aumenterà
Padoan tira dritto: l’IVA aumenterà