L’Iva aumenterà anche se non lo dicono. E’ scritto nella manovra

L’aumento dell’IVA deciso per il 2018 sarà solo meno robusto di quanto previsto

Da governo e maggioranza si affannano a rassicurarci sul fatto che non ci sarà alcun aumento dell’Iva, previsto nelle clausole di salvaguardia inserite nelle precedenti leggi di bilancio. Eppure l’aumento ci sarà, ed è scritto proprio nella ‘manovrina’ aggiuntiva richiestaci da Bruxelles. Solo sarà meno corposo di quanto previsto. Vediamo come e perché.

LE CLAUSOLE DI SALVAGUARDIA – Si tratta di aumenti automatici di IVA e accise messe a garanzia delle leggi di bilancio. Gli ultimi Governi hanno approvato manovre finanziarie con coperture economiche incerte. Così per essere certi di centrare l’obiettivo di riduzione del rapporto deficit/PIL le leggi di bilancio sono state corredate dalle clausole di salvaguardia. Se qualcosa va storto e non si raggiungono gli obiettivi di finanza pubblica prefissati, entrano in funzione, in modo automatico, le clausole di salvaguardia che aumentano l’IVA e le accise recuperando i soldi mancanti. Al momento pesano sul primo gennaio 2018 qualcosa come 19,5 miliardi di clausole di salvaguardia.

LA MANOVRINA – L’articolo 9 della ‘manovrina’ tratta dell’”avvio della sterilizzazione delle clausole di salvaguardia concernenti le aliquote dell’IVA e delle accise”. L’articolo modifica la legge 190 del 2014, ovvero la legge di bilancio per il 2015 approvata dal Governo Renzi che introduceva l’aumento IVA a partire dal primo gennaio 2018.

A partire dal primo gennaio 2018 l’aliquota IVA al 10% aumenterà all’11,5% – invece che al 13% come deciso da Renzi – e salirà ancora al 12% nel 2019 e al 13% nel 2020. L’aliquota ordinaria al 22%, nel 2018 sale al 25%, poi nel 2019 sale ancora al 25,4% (anziché al 25,9% come previsto da Renzi); scende al 24,9% nel 2020 e torna al 25% nel 2021.

È la prima volta che un Governo interviene sul capitolo clausole di salvaguardia mettendo nero su bianco la previsione di un aumento IVA. Negli ultimi anni infatti, abbiamo assistito al continuo rinvio all’anno successivo. Il Governo Gentiloni invece certifica in modo esplicito l’aumento dell’IVA, anche se meno corposo di quello originale.

Persino il tendenzialmente ‘governativo’ Corriere della Sera, con un editoriale a firma Ferruccio De Bortoli, non ha mancato di sottolineare la circostanza. “La narrativa economica – si legge -, che edulcora e a volte nasconde i problemi reali della nostra finanza pubblica, ha fatto passare un aumento delle imposte indirette per la concessione di uno sconto sull’Iva. Dal 2018 quella al 10 per cento salirà di 1,5 punti anziché 3; quella al 22 passerà comunque al 25 per cento. Miracoloso. E il tutto nonostante i proclami della maggioranza. ‘Noi le tasse non le aumentiamo’, ha detto in più di un’occasione l’ex premier Renzi”.

Leggi anche:
La manovrina punto per punto
Aumento IVA al 25%? Ecco quanto ci verrebbe a costare
Iva al 25% nel 2018: la pesante eredità di Renzi

L’Iva aumenterà anche se non lo dicono. E’ scritto nella manovra
L’Iva aumenterà anche se non lo dicono. E’ scritto nella&...