Gli aumenti IVA previsti nel triennio 2018–2020

Ecco le nuove aliquote in attesa di un intervento in Legge di Stabilità 2018

L’obiettivo è quello di provare a evitare l’aumento IVA nel 2018 (la manovra bis lo ha dimezzato, senza però eliminarlo). Per dirla in parole semplici, con ogni probabilità non scatteranno le nuove aliquote IVA previste dalla manovra bis. Il blocco sarà probabilmente inserito nella Legge di Stabilità 2018, da quanto si legge sul sito delle piccole-medie imprese pmi.it.

Il motivo per cui Governo e Parlamento non ci sono ancora riusciti è puramente di bilancio: si tratta di clausole che consentono ai conti pubblici italiani di rientrare nei parametri del Patto di Stabilità europeo, ma che poi non vengono applicate perché di volta in volta si individuano le risorse necessarie.

Detto questo, la manovra correttiva rimodula gli aumenti IVA previsti nel triennio 2018 – 2020: in particolare per l’aliquota al 21% presenta un vero e proprio saliscendi. Per la precisione, l’articolo 9 del dl 50/2017, di cui è appena terminato il percorso parlamentare di conversione in legge, dimezza l’aumento delle aliquote previsto dalla clausola di salvaguardia della manovra di Bilancio 2015 (legge 190/2014, comma 718).

AUMENTI IVA
In base alla Manovra bis:

  • l’aliquota del 10% aumenta di un punto e mezzo nel 2018, di un ulteriore mezzo punto nel 2019 e di un punto nel 2020 (la formulazione precedente prevedeva un +3% a partire dal 2018);
  • l’aliquota al 22% aumenta di tre punti nel 2018 (come già previsto), di 0,4 punti nel 2019, poi diminuisce di mezzo punto nel 2020 e si stabilizza al 25% dal 2021; la medesima aliquota è ridotta di 0,5 punti percentuali a decorrere dal 1° gennaio 2020 rispetto all’anno precedente ed è fissata al 25% a decorrere dal 1° gennaio 2021″.

secondo la nuova tabella di aumenti, le aliquote dovrebbe passare rispettivamente:
IVA al 10%

  • 11,5% nel 2018
  • 12% nel 2019
  • 13% nel 2020

IVA al 21%

  • 25% nel 2018,
  • 25,04% nel 2019
  • 24,09% nel 2020
  • 25% nel 2021

Gli aumenti delle accise sulla benzina sono invece rinviati al 2019.  Il comma 719 della manovra 2015 prevede che le misure di aumento aliquote IVA: “possono essere sostituite integralmente o in parte da provvedimenti normativi che assicurino, integralmente o in parte, gli stessi effetti positivi sui saldi di finanza pubblica attraverso il conseguimento di maggiori entrate ovvero di risparmi di spesa mediante interventi di razionalizzazione e di revisione della spesa pubblica”.

La prossima Legge di Bilancio 2018, secondo le anticipazioni del Ministro Padoan, conterrà una misura alternativa alla clausola di salvaguardia che finalmente possa escludere definitivamente l’incremento delle aliquote in caso ci scostamenti di bilancio.

Leggi anche:
Aumento IVA al 25%? Ecco quanto ci verrebbe a costare
Iva al 25% nel 2018: la pesante eredità di Renzi
Legge di Bilancio 2017: tutti i numeri della manovra

Gli aumenti IVA previsti nel triennio 2018–2020
Gli aumenti IVA previsti nel triennio 2018–2020