Fisco troppo burocratico, 240 ore l’anno per pagare le tasse

L'Italia mantiene il record negativo nell'Ue per la burocrazia fiscale

(Teleborsa) – “La semplificazione degli adempimenti fiscali rischia di essere una tela di Penelope. Nonostante gli impegni e le norme degli ultimi anni, l’Italia mantiene il record negativo nell’UE per la burocrazia fiscale: per pagare le tasse servono 240 ore l’anno, 85 ore in più rispetto alla media dei Paesi dell’Area euro. Occorre una strategia coerente e di ampio respiro che metta mano anche a norme di carattere sostanziale, non soltanto ad adempimenti comunicativi”.

Lo ha sollecitato il segretario generale di Confartigianato, Cesare Fumagalli, intervenuto, a nome di Rete Imprese Italia, all’Audizione promossa dalla Commissione Parlamentare della Camera per la semplificazione, nell’ambito dell’indagine conoscitiva sulle semplificazioni possibili nel settore fiscale.

Rete Imprese Italia indica quattro linee guida per semplificare la vita delle imprese:

  • il riordino in testi unici delle disposizioni fiscali;
  • la stabilità nelle disposizioni che impongono gli adempimenti fiscali;
  •  la non retroattività delle disposizioni tributarie e la “costituzionalizzazione” dello Statuto del contribuente;
  • i controlli fiscali non devono incrementare gli oneri burocratici delle imprese e deve essere introdotta una reale valutazione d’impatto preventiva delle nuove disposizioni, come pure una verifica periodica sull’efficacia delle norme stesse spesso introdotte per finalità di contrasto all’evasione.

Leggi anche:
Burocrazia, PMI rischiano 111 controlli l’anno: 1 ogni 3 giorni
Studi di settore, “poveri” commercianti: reddito medio 22.510 euro
Fisco, stop ai controlli e agli interrogatori a sorpresa
Partite IVA, la pressione fiscale supera il 51%

Fisco troppo burocratico, 240 ore l’anno per pagare le tasse
Fisco troppo burocratico, 240 ore l’anno per pagare le tass...