Fisco, la precompilata si conferma un successo

(Teleborsa) – C’era nell’aria odore di record per la precompilata di quest’anno, e così è stato. Le dichiarazioni inviate al 24 luglio sono risultate essere 2 milioni e 400 mila, ossia 300 mila in più rispetto all’anno scorso e maggiori di ben 1 milione in confronto al 2015.

Questo è quanto emerge dai dati in possesso dell’Agenzia delle Entrate, secondo cui le regioni del Nord risultano al top per numero di dichiarazioni inviate in autonomia. Complessivamente, oltre un milione di modelli sono arrivati da Lombardia (597 mila modelli), Veneto (265 mila) e Piemonte (225 mila). Bene anche il Lazio, con 281 mila precompilate.

La maggior parte dei 730 spediti direttamente arriva da cittadini di età compresa tra 41 e 50 anni (530 mila), mentre a seguire si colloca la fascia di età successiva, tra 51 e 60 anni (470 mila). Hanno dimostrato dimestichezza col sistema online anche i trentenni e i sessantenni (rispettivamente 381 mila e 403 mila invii). Infine, 263 mila modelli sono stati inviati direttamente da persone di età avanzata (compresa tra 71 e 80 anni).

Molto positivo anche il trend degli utenti abilitati ai servizi via web dell’Agenzia, che hanno raggiunto quota 6,5 milioni e sono apparsi in aumento (+500 mila utenti) rispetto all’anno precedente. Per accedere alla precompilata, i contribuenti hanno utilizzato nella maggior parte dei casi le credenziali rilasciate dal Fisco (58,76% di accessi) o dall’Inps (33,64%).

Fisco, la precompilata si conferma un successo
Fisco, la precompilata si conferma un successo