Canone Rai, al via le domande per ottenere il rimborso

Dal 15 settembre è disponibile il modulo per richiedere il rimborso del canone Rai pagato indebitamente con le causali da indicare

Al via dal 15 settembre le richieste di rimborso del canone Rai addebitato erroneamente nella bolletta elettrica. Chi ha pagato i 70 euro e non doveva, può chiedere il rimborso all’Agenzia delle Entrate, online o spedendo per posta l’apposito modello. A restituire i soldi sarà il fornitore di energia elettrica, accreditandoli sulla prima fattura utile.

CHI E COME PUO’ CHIEDERE IL RIMBORSO – L’istanza può essere presentata online dal titolare dell’utenza elettrica, dai suoi eredi o dagli intermediari abilitati, mediante la specifica applicazione web disponibile dal 15 settembre sul sito. In alternativa può essere inviata per posta (con raccomandata) a Agenzia delle entrate, Ufficio di Torino 1, S.A.T. – Sportello abbonamenti TV – Casella Postale 22 – 10121 Torino.
L’Agenzia delle entrate ha pubblicato online anche materiale informativo che possa essere utile alla compilazione: oltre al nuovo provvedimento, sono a disposizione dei cittadini anche le istruzioni di compilazione.

SEI CAUSALI – Nel modulo di rimborso va indicata anche la motivazione della richiesta tramite 6 causali che il contribuente può scegliere in base alla situazione personale in cui si trova:

  • Codice 1 -riservato a coloro che sono in possesso dei requisiti per l’esenzione dal pagamento del canone Rai
  • Codice 2 – riservato ai contribuenti esenti per convenzioni internazionali che hanno presentato dichiarazione sostitutiva
  • Codice 3 – riservato alle famiglie anagrafiche in cui un componente ha pagato il canone Rai 2 volte
  • Codice 4 – riservato alle famiglie anagrafiche in cui il canone Rai è stato pagato da due diversi componenti in due diverse utenze elettriche
  • Codice 5 – riservato ai contribuenti che hanno presentato dichiarazione sostitutiva e si sono visti addebitare, a se stessi o ad altro componente della famiglia anagrafica, il canone Rai una seconda volta
  • Codice 6 – per motivazioni diverse

PER ADICONSUM IL MODULO È ANCORA CARENTE – Le associazioni dei consumatori ancora non sono soddisfatte. “La pubblicazione del modulo di rimborso – dichiara Walter Meazza, Presidente di Adiconsum nazionale – non fuga i dubbi dei consumatori che vorrebbero decurtare direttamente dalla bolletta l’importo del canone non dovuto. La possibilità del pagamento parziale della bolletta con decurtazione del canone – prosegue Meazza – è riportata solo nelle ultime FAQ e sulla pagina Facebook dell’Agenzia. Ma le informazioni ivi riportate hanno valore di legge? Le imprese elettriche non hanno ricevuto alcuna informativa in merito e la nostra richiesta di un modello per la decurtazione, unico e valido per tutte le aziende elettriche, risulta ancora inevasa”.

Leggi anche:
Canone Rai in bolletta, flop di Renzi: la metà degli italiani non ha pagato
Canone Rai meno caro dall’anno prossimo, la promessa di Renzi
Canone Rai, cosa fare se l’addebito è sbagliato
Canone Rai, la Federconsumatori denuncia: “Arrivano bollette con addebiti non dovuti”
Canone Rai: dalla doppia bolletta alla nuova utenza, tutti i chiarimenti
Chi non paga il canone RAI? Le risposte di Virgilio Genio
Tutto sul canone Rai

Canone Rai, al via le domande per ottenere il rimborso
Canone Rai, al via le domande per ottenere il rimborso