Arriva il tax day, acconto Imu-Tasi per 25 milioni di italiani

Il 16 giugno imprese e famiglie dovranno pagare le tasse all'erario, alle regioni e ai comuni. Un salasso da 50 miliardi

Il 16 giugno è il tax day, giorno di scadenza per il pagamento di varie tasse. Tra ritenute Irpef, Tasi, Imu, Ires, Iva, Irpef, Irap, addizionali comunali/regional, le imprese e le famiglie italiane sono chiamate a versare ben 51,6 miliardi di euro di tasse. Di questi, 34,8 miliardi finiranno nelle casse dell’erario, 11 in quelle dei Comuni e 5,3 in quelle delle Regioni.

Lo dice la Cgia, l’associazione degli artigiani e delle piccole imprese di Mestre. Il contributo più sostanzioso? Quello di dipendenti e collaboratori, che con le ritenute Irpef verseranno allo stato quasi 11 miliardi di euro.

Niente Tasi sulla prima casa – Sull’abitazione principale non si dovrà pagare la Tasi, la tassa sui servizi comunali indivisibili, la cosiddetta tassa sui rifiuti. L’esenzione, già in vigore per l’Imu, farà risparmiare alle famiglie italiane circa 3,5 miliardi. Rimane invece l’imposta sulle seconde o terze case e su altri immobili. E soprattutto non ci sarà alcun esonero per i proprietari di ville, abitazioni di lusso e dimore signorili, grazie a i quali i comuni incasseranno oltre 45,6 milioni di euro.

Ires –Altrettanto oneroso è il pagamento del saldo 2015 e dell’acconto 2016 relativo all’Ires (Imposta sui redditi delle società di capitali). Le imprese sono chiamate a versare poco più di 8,5 miliardi di euro. Tuttavia, le aziende con dipendenti beneficeranno di un minore peso fiscale Irap, grazie all’eliminazione dalla base imponibile del costo del lavoro. Novità, quest’ultima, introdotta con la legge di Stabilità 2015 (e applicata dal periodo di imposta 2015) che vale circa 5,6 miliardi di euro l’anno; 4,3 miliardi se si considerano gli effetti indiretti sulla base imponibile Ires/Irpef.

Irpef – L’Irpef, in capo agli imprenditori individuali, soci di società di persone e percettori di redditi diversi da quelli da lavoro dipendente e pensione, invece, assicurerà all’erario 4 miliardi di euro. In linea puramente teorica, dei 51,6 miliardi di euro da pagare oggi, almeno 4 miliardi potrebbero finire nelle casse degli enti di riscossione entro il prossimo 6 luglio.

Leggi anche:
Brunetta: “Altro che abolizione Imu, su casa salasso da 50 miliardi”
Chi paga l’Imu quest’anno?
Sconto IMU-Tasi col comodato d’uso: istruzioni e chiarimenti
Comodato d’uso gratuito a genitori o figli: come funziona l’asso ‘prima casa’
Fisco, cambia tutto: stop controlli su piccoli importi
Bonus fiscali: 10 detrazioni possibili che pochi conoscono
Donazione di denaro tra parenti e riflessi sul redditometro
Modello 730/2016: tutte le principali novità punto per punto

Arriva il tax day, acconto Imu-Tasi per 25 milioni di italiani
Arriva il tax day, acconto Imu-Tasi per 25 milioni di italiani