Space Economy

DIAMO SPAZIO ALL’ECONOMIA DEL FUTURO
L’Agenzia Spaziale Italiana è nata nel 1988, per dare un coordinamento unico agli sforzi e agli investimenti che l’Italia ha dedicato al settore fino dagli anni Sessanta. E’ un ente pubblico nazionale che in meno di due decenni si è affermato come uno dei più importanti attori mondiali sulla scena della scienza spaziale.
Divulgare il potenziale scientifico, tecnologico e industriale accumulato negli ultimi anni e dare voce alle notizie dallo Spazio. Per queste ragioni Space Economy apre il suo oblò su QuiFinanza, alla luce del fatto che, come ci dice Roberto Battiston, presidente ASI, l’economia spaziale italiana garantisce “Un ritorno in termini scientifici e industriali nell’ordine di 4 volte per ogni euro speso”.

Il canto delle galassie

Il canto delle galassie

Accendete la radio: alla frequenza giusta, potreste sentire la musica delle galassie, un canto antico che vi racconterà qualcosa di come nascono le stelle del cielo.È
‘Genealogie’ stellari

‘Genealogie’ stellari

Stelle della Via Lattea catalogate secondo gli elementi chimici che le caratterizzano, per costruire alberi genealogici con tecniche utilizzate abitualmente dai biologi. E’
Un quintetto sotto esame

Un quintetto sotto esame

Sono cinque i payload selezionati dalla NASA per la fase di test su voli a gravità zero, palloni d’alta quota e razzi suborbitali. La scelta è stata fatta nell’ambito
Exapod ‘segugio’ tricolore

Exapod ‘segugio’ tricolore

Lo scorso 19 febbraio alle 15:39, ora italiana, il razzo vettore Falcon 9 della Space X ha portato in orbita con successo la navicella cargo Dragon, lanciata dalla piattaforma 39A
Inaugurato Advanced VIRGO

Inaugurato Advanced VIRGO

“Costruire questa macchina per cinque anni è stato come attraversare il deserto. Ora metterla in funzione significa trovare un’oasi – l’oasi che ci
Juno fedele alla sua orbita

Juno fedele alla sua orbita

Juno rimarrà fedele alla sua orbita di 53 giorni. E’ stato deciso dai responsabili della missione che hanno stabilito di non eseguire l’accensione dei motori,