Space Economy

DIAMO SPAZIO ALL’ECONOMIA DEL FUTURO
L’Agenzia Spaziale Italiana è nata nel 1988, per dare un coordinamento unico agli sforzi e agli investimenti che l’Italia ha dedicato al settore fino dagli anni Sessanta. E’ un ente pubblico nazionale che in meno di due decenni si è affermato come uno dei più importanti attori mondiali sulla scena della scienza spaziale.
Divulgare il potenziale scientifico, tecnologico e industriale accumulato negli ultimi anni e dare voce alle notizie dallo Spazio. Per queste ragioni Space Economy apre il suo oblò su QuiFinanza, alla luce del fatto che, come ci dice Roberto Battiston, presidente ASI, l’economia spaziale italiana garantisce “Un ritorno in termini scientifici e industriali nell’ordine di 4 volte per ogni euro speso”.

La memoria magnetica di Psyche

La memoria magnetica di Psyche

Memorie magnetiche sepolte nel passato di 16 Psyche. L’asteroide uno dei maggiori della fascia principale, situato tra Marte e Giove, potrebbe fornire preziose informazioni
India, partiti 31 satelliti

India, partiti 31 satelliti

È partito oggi dallo Stato di Andhra Pradesh, in India, un razzo con a bordo 31 piccoli satelliti prodotti da 14 paesi diversi. Il lancio, avvenuto alle 9.29 ora locale con
ASI si rafforza

ASI si rafforza

Il Consiglio di Amministrazione dell’Agenzia Spaziale italiana nella seduta n. 7/2017 del 22 giugno 2017 ha deliberato lo scorrimento delle graduatorie dei concorsi per l’assunzione
Pianeta sconosciuto?

Pianeta sconosciuto?

C’è un’inattesa deformazione ai confini del Sistema Solare. Nella cosiddetta fascia di Kuiper, una regione che si estende oltre l’orbita di Nettuno. La
Pianeta sconosciuto?

Pianeta sconosciuto?

C’è un’inattesa deformazione ai confini del Sistema Solare. Nella cosiddetta fascia di Kuiper, una regione che si estende oltre l’orbita di Nettuno. La
Pianeta parzialmente nuvoloso

Pianeta parzialmente nuvoloso

L’osservazione diretta di un pianeta distante era in passato un privilegio raro, di cui gli astronomi potevano approfittare solo in presenza di mondi molto luminosi orbitanti