Roaming addio: ecco quanto pagheremo da oggi in Italia e fuori (ma solo per viaggi occasionali)

Guardare un filmato su YouTube, chattare su WhatsApp o Telegram. Dalla mezzanotte siamo liberi di fare all'estero quello che facciamo in Italia con il nostro smartphone o con il tablet

 

Da oggi 15 giugno la navigazione in internet tramite smartphone e tablet, all’interno dell’area Ue, ci costerà esattamente quanto in Italia. Il regolamento europeo sul roaming crea infatti un mercato unico della telefonia mobile. Dopo una battaglia durata dieci anni, finalmente, tutti i cittadini europei potranno viaggiare nel continente e non preoccuparsi più di quanto dovranno spendere per la bolletta telefonica e senza cercare in maniera frenetica un locale con Wi-Fi per poter dare un’occhiata alle email.

TARIFFE – Si passerà dai 50 euro ai 7,7 a Giga, con un calo ponderale del prezzo nel corso degli anni: 6 entro il 2018, 4,5 nel 2019 e 2,5 nel 2022. Per le chiamate, si passerà dagli attuali 5 centesimi al minuto a 3,2, mentre per i messaggi di testo la tariffa si dimezzerà: da 2 a 1 centesimo.

LIMITAZIONI – Attenzione però: i vantaggi del mercato unico della telefonia saranno validi – dice il regolamento europeo 2286 del 2016 – “per i soli viaggi occasionali”. Un soggiorno breve – per vacanza o studio, per lavoro o motivi di salute – non dovrebbe riservarci sorprese. I clienti che avranno toccato punte di consumo “anomalo” in almeno 4 mesi, infatti, saranno invitate a cambiare rotta. Saranno le stesse società di telefonia a decidere alcuni degli “indicatori oggettivi” per distinguere il viaggiatore corretto (all’ estero in modo occasionale) da quello sleale (all’ estero in pianta stabile). Se questo indicatori risulteranno severi o furbeschi, il nostro Garante (l’ AgCom) potrà contestarli.

IL LIMITE AI GIGA – Attenzione anche ai contratti italiani di traffico illimitato. Le società di telefonia controlleranno da vicino una speciale categoria di cliente, quello forte di un pacchetto nazionale con traffico illimitato. Queste persone scaricherebbero sulle società di telefonia costi altissimi se si mettessero a guardare decine di film all’ estero grazie al loro traffico italiano senza limiti e condizioni. La soluzione? Mentre sono in giro per l’ Europa, semplicemente non potranno navigare in Rete in modo libero e illimitato: avranno un tetto. Disporranno ad esempio di massimo 2,5 giga di traffico ogni 4 settimane se pagano 10 euro per il loro pacchetto.

Leggi anche:
Roaming voce vs roaming dati: a cosa servono, novità sui costi e quando usarli
Rc auto, che impennata! In un anno prezzi in aumento dell’11,6%
VirgilioGenio: cos’è il roaming?

Roaming addio: ecco quanto pagheremo da oggi in Italia e fuori (ma solo per viaggi occasionali)
Roaming addio: ecco quanto pagheremo da oggi in Italia e fuori (ma sol...