Banca Etruria, risparmiatori: “Ex vertici ora nullatenenti”

Giorgiani: "Boschi ha solo un orto, non potrebbe rimborsarci"

“Sono dei nullatenenti”, affermano, e quindi i membri dell’associazione “Vittime del Salva Banche hanno deciso di rinunciare alla costituzione di parte civile nei procedimenti che potranno esserci a carico degli ex vertici di Banca Etruria. Lo ha fatto sapere la presidente dell’associaizione, Letizia Giorgiani, nel corso della protesta organizzata all’esterno del Tribunale di Arezzo: qui per la prima volta le difese dell’ex direttore Luca Bronchi, dell’ex direttore centrale David Canestri, e dell’ex presidente di Banca Etruria, Giuseppe Fornasari si sono presentate davanti a un giudice di udienza preliminare, per il filone di inchiesta relativo all’ostacolo alla vigilanza.

“Non ci siamo costituiti parte civile – ha detto Giorgiani – anche perché in un ipotetico rimborso, questi ex amministratori si sono tutelati. Abbiamo provveduto a fare visure catastali, camerali e storiche e risulta che la quasi totalità sono nulla tenenti. Non hanno quasi più nulla intestato a loro“.

Tra le visure mostrate a favore dei reporter, quelle relative a Pier Luigi Boschi. All’ex vicepresidente della banca, che comunque non è indagato, non risulterebbe intestato alcun fabbricato. “Solo un orto”, ha puntualizzato Giorgiani, indicando la dicitura: “Fabbricati zero, terreni due”.

Intanto c’è attesa soprattutto per gli altri filoni di inchiesta. L’avvocato Rizziero Angelelli che difende numerosi risparmiatori.
“Aspettiamo l’evoluzione sulla bancarotta. Noi presenteremo questo esposto prossimamente onde evitare nel caso di specie, come io penso, sussista o meno l‘associazione per delinquere”.

L’udienza di oggi è stata intanto rinviata al 13 aprile.

Fonte: AskaNews

Banca Etruria, risparmiatori: “Ex vertici ora nullatenenti”
Banca Etruria, risparmiatori: “Ex vertici ora nullatenenti”...