Unimpresa: “Banche, affossata la commissione d’inchiesta”

La denuncia di Unimpresa, l'Unione nazionale delle imprese

“Sembra affossata definitivamente la Commissione parlamentare d’inchiesta sul sistema bancario italiano. L’avvio dei lavori della bicamerale erano attesi per l’inizio di questo mese e invece non è ancora stata completata la composizione dell’organismo. Pur con tempi strettissimi, l’indagine parlamentare avrebbe contribuito a fare chiarezza sui disastri dell’industria creditizia del nostro Paese, che si è retta, negli ultimi decenni, su un sistema relazionale e non su un chiaro rapporto tra le banche e la clientela, specie le aziende. Abbiamo così assistito a una continua penalizzazione del mondo delle micro, piccole e medie imprese, sempre più in difficoltà nell’ottenere prestiti e liquidità”.

E’ quanto dichiara il vicepresidente di Unimpresa, Claudio Pucci.

“Al contrario, i grandi gruppi, quelli per i quali gli affidamenti sono deliberati direttamente dalle direzioni generali o dai consigli di amministrazioni, il credito non è mai mancato, anche se si è trattato di scelte non di rado sbagliate. Non a caso, il 70% delle sofferenze bancarie si riferisce a finanziamenti superiori a 500mila euro l’anno, segno che l’aver stretto il rubinetto con le piccole aziende ha finito col rivelarsi un autogol per gli stessi bilanci delle banche” aggiunge Pucci.

Leggi anche:
Banche, arriva il bonifico istantaneo: trasferire denaro costa di più
Banche, nei conti dormienti un tesoro di 2 miliardi regalato allo Stato
Soldi in banca, tutti i rischi che si corrono
Le banche più sicure e quelle più a rischio: la classifica aggiornata
Banche: stangata in arrivo per chi ha il conto online

Unimpresa: “Banche, affossata la commissione d’inchiesta”
Unimpresa: “Banche, affossata la commissione d’inchiesta&#...