Stipendi Rai, ok al tetto da 240 mila euro. Con 10 eccezioni

Alcuni dirigenti potranno ricevere una deroga e superare il tetto con un’indennità di funzione di circa 50.000 euro (più eventuali premi)

Via libera unanime del Cda della Rai al tetto di autoregolamentazione delle retribuzioni: il limite degli stipendi è stato fissato a 240mila euro. Con alcune eccezioni: alcuni dirigenti (almeno una decina) potranno ricevere una deroga e superare i 240.000 con un’indennità di funzione di circa 50.000 euro (più eventuali premi).

Si tratterebbe di una indennità, o parte variabile, al fine di poter soddisfare l’esigenza di un’attenzione giusta nell’utilizzo delle risorse. Lo ha specificato il direttore generale Antonio Campo Dall’Orto nel corso dell’audizione per la prevenzione della corruzione della Rai.

Questo dettaglio ha innescato le proteste della politica, anche perché i parlamentari sono già intervenuti con un emendamento a una legge sull’Editoria per ripristinare il tetto aggirato con l’emissione di un titolo di debito. In commissione di Vigilanza, la presidente Monica Maggioni ha difeso l’autonomia aziendale: “Dire che non si possa mai avere un manager con uno stipendio sopra i 240 mila euro è molto pericoloso”.

Tra le figure per le quali si intende prevedere quella indennità di 50mila euro in aggiunta alla retribuzione, e quindi la possibilità di andare oltre il tetto di 240mila euro, ci sono il capo della finanza Rai, il capo dell’area tecnologica, l’amministratore delegato di Rai Pubblicità, il direttore del coordinamento dei palinsesti, il capo delle risorse umane, l’amministratore delegato di Rai Cinema, il direttore dell’area legale, il direttore dell’area comunicazione.

Non figurano nel regolamento né il direttore generale né il presidente, i cui stipendi vengono infatti stabiliti l’uno dall’azionista di maggioranza, ossia il Mef, l’altro dal consiglio di amministrazione. “Ma non c’è dubbio che si adegueranno al criterio”, spiegano fonti di viale Mazzini.

Leggi anche:
Spese Rai: i programmi più costosi del 2016 che abbiamo pagato col canone
Rai, addio stipendi d’oro: il Senato mette un tetto a 240mila euro
Online i maxi-stipendi Rai: molti ex prendono più di 200mila euro
Stipendi dei top manager in Italia: ai primi 10 oltre 5 milioni di euro
Tutto sulla Rai

 

Stipendi Rai, ok al tetto da 240 mila euro. Con 10 eccezioni
Stipendi Rai, ok al tetto da 240 mila euro. Con 10 eccezioni