Renzi, indagato il cognato: “Riciclaggio di denaro”

Secondo il Pm riciclò danaro sottratto all'Unicef

Il cognato di Matteo Renzi, Andrea Conticini, è indagato dalla Procura di Firenze per riciclaggio. Secondo l’accusa avrebbe reimpiegato denaro sottratto dai suoi due fratelli Alessandro e Luca – a loro volta sotto inchiesta per appropriazione indebita – a organizzazioni umanitarie come Unicef e Operation Usa.

La notizia dell’inchiesta in cui sono coinvolti Andrea Conticini, 35 anni, il fratelli gemello Luca,e quello maggiore Alessandro è stata pubblicata dal quotidiano fiorentino La Nazione.

Al centro dell’inchiesta della procura fiorentina ci sarebbe il trasferimento di denaro di organizzazioni umanitarie come Unicef e Operaton Usa prima alla società Play Therapy Africa Limited e poi sui conti personali di Alessandro Conticini (direttore di Play Therapy Africa Limited ed ex dirigente di Unicef in Etiopia). Operazioni compiute senza causali giustificative fino a quando la Banca d’Italia non le ha segnalate come sospette alla procura di Firenze.

Secondo la ricostruzione degli inquirenti, nel 2011 dai conti di Alessandro e Luca Conticini parte del denaro in questione sarebbe stato trasferito al fratello Andrea che l’avrebbe utilizzato per acquistare quote di una società. Di qui l’accusa per il cognato di Matteo Renzi di riciclaggio e per Luca e Alessandro Conticini di appropriazione indebita, portata avanti secondo gli investigatori fino al 2015.

Nei giorni scorsi l’abitazione di Matilde Renzi e Andrea Conticini e quelle dei fratelli Luca e Alessandro sono state perquisite con sequestro di vari documenti e supporti informatici.

Leggi anche:
Renzi abolisce Equitalia, ma il fisco avrà ancora più poteri e sarà più veloce
Renzi: “Entro l’anno il decreto che abolisce Equitalia”
Renzi: “Occorre indicare un progetto chiaro per l’Europa e portarlo avanti”
Referendum, Renzi rilancia il fronte del Sì: “Cruciale per la nostra credibilità”

Renzi, indagato il cognato: “Riciclaggio di denaro”
Renzi, indagato il cognato: “Riciclaggio di denaro”