Rai, niente più tetto ai compensi: il cda vota la deroga

Salta il limite a 240mila euro per le prestazioni "artistiche", previsto comunque un taglio del 10% dei compensi

Il consiglio di amministrazione Rai, riunitosi sotto la presidenza di Monica Maggioni e alla presenza del Direttore generale Mario Orfeo, ha approvato la delibera riguardante il “Piano organico di criteri e parametri per l’individuazione e la remunerazione dei contratti con prestazioni di natura artistica”.

Nel giorno della prima in cda di Mario Orfeo nel ruolo di direttore generale della Rai, il board di Viale Mazzini approva dunque le deroghe al tetto di 240mila euro di stipendio che permettono alla televisione pubblica di tenersi le mani libere sui compensi per le “prestazioni di natura artistica”.

Il documento che vara la nuova policy aziendale in materia di tetto ai compensi precisa che “possono considerarsi di natura artistica le prestazioni in grado di offrire intrattenimento generalista oppure di creare o aggiungere valore editoriale”. Il piano prevede comunque una riduzione dei compensi in misura almeno pari al 10%, che andrà ad aumentare progressivamente con il salire degli importi.

Il documento, illustrato ai consiglieri dal dg, individua – si legge ancora nel comunicato – criteri quanto più possibili oggettivi da adottarsi per la definizione di prestazioni per le quali sia possibile il superamento del limite retributivo dei 240 mila euro. Per ogni deroga al tetto dovrà essere fornita adeguata motivazione resa esplicita in fase contrattuale da parte degli organi responsabili. In particolare – spiega la Rai -, il documento precisa che “possono considerarsi di natura artistica le prestazioni in grado di offrire intrattenimento generalista oppure di creare o aggiungere valore editoriale in termini di elaborazione del racconto nelle sue diverse declinazioni, in maniera coerente all’obiettivo generale di servizio pubblico”.

Leggi anche:
Canone Rai: possibilità di esenzione a giugno. Ecco come
Rai, Bruno Vespa contro il taglio ai compensi: “Sono un artista”
Rai, tetto ai compensi. Fazio non ci sta e annuncia il possibile addio
Rai, svelati gli stipendi d’oro dei conduttori e i costi dei programmi
Dal 15 novembre tetto agli stipendi dei dirigenti Rai. Ma non per le star
Rai, tetto di 240mila euro per i compensi delle star della tv pubblica
Spese Rai, il programma di Veltroni costa 1 milione di euro a puntata
Online i maxi-stipendi Rai: molti ex prendono più di 200mila euro
FORUM: Perchè non privatizzare la RAI  in questi momenti cruciali  di crisi? 

Rai, niente più tetto ai compensi: il cda vota la deroga
Rai, niente più tetto ai compensi: il cda vota la deroga