Nuove regole per i call center: ora si può chiedere un operatore italiano

Da aprile si potrà chiedere di parlare con operatori connazionali. Multe a chi non si adegua

A partire dal 1° gennaio 2017, chi chiama o riceve una telefonata da un call center deve immediatamente sapere in quale Paese si trova l’operatore all’altro capo della cornetta, prima che la conversazione abbia inizio.
Dal 1° aprile 2017, invece, l’operatore del call center collocato al di fuori dell’Unione europea deve poter subito garantire all’utente la possibilità di richiedere che il servizio sia offerto da un operatore presente nel territorio nazionale o in un Paese UE, trasferendo immediatamente la chiamata.

Sono queste le novità dell’ultima Legge di Bilancio in materia di call center, elencate sul sito del Ministero dello Sviluppo Economico.

Gli operatori economici che effettuano attività di call center dovranno iscriversi al Registro degli operatori di comunicazione, tenuto dall’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni, alla quale – si legge sul sito del Mise – vanno fornite “tutte le numerazioni telefoniche messe a disposizioni del pubblico e utilizzate per i servizi di call center”.

Per chi sceglie di localizzare il call center in un Paese extra UE, anche tramite terzi, diventa obbligatorio “darne comunicazione almeno trenta giorni prima del trasferimento” al Ministero del lavoro e delle politiche sociali (nonché Ispettorato nazionale del lavoro), Ministero dello Sviluppo Economico e Garante per la protezione dei dati personali. Chi ha invece localizzato il call center al di fuori dell’Italia e della UE prima del 1° gennaio 2017, deve comunicare queste informazioni entro il 2 marzo 2017.

Per chi non si adeguerà in tempo e non fornirà il servizio di poter parlare con un italiano, sono previste sanzioni fino a 50mila euro per ogni giornata di violazione e a 150mila per ciascuna comunicazione omessa o tardiva.

In collaborazione con Adnkronos

Leggi anche:
Come sopravvivere alle telefonate moleste dei call center
Call center: regole infrante e chiamate a ogni ora. Un sistema da rifondare 
Niente chiamate di domenica e festivi: le nuove regole dei call center
Call center, le aziende si spostano all’estero. Allarme posti di lavoro
Telemarketing, stop alle telefonate moleste

Nuove regole per i call center: ora si può chiedere un operatore italiano
Nuove regole per i call center: ora si può chiedere un operatore ...