Multa Ue: in arrivo una stangata sulle bollette dell’acqua

Infrazione sulla depurazione e multa da 350mila euro al giorno: i soldi potrebbero essere spalmati sulle tariffe per il servizo idrico a tutti i cittadini

L’Unione Europea presenta il conto all’Italia: una multa pesantissima, 62,7 milioni di euro che rischiano di aumentare giorno dopo giorno, per un ritardo negli investimenti e nelle infrastrutture di depurazione delle acque.

I MOTIVI – Una vicenda che si trascina da decenni, colpa soprattutto di acquedotti vecchi: il 60 per cento è stato realizzato oltre 30 anni fa, il 25 per cento di queste supera i 50 anni. Ci sono poi le cosidette dispersioni: al Nord, in media, va sprecato il 26 per cento dell’acqua immessa nella rete, al Centro il 46 per cento e al Sud il 45 per cento. Per non parlare del fatto che l’11 per cento dei cittadini non è ancora stato raggiunto dal servizio di depurazione.

LA MULTA – Per questi motivi, a dicembre l’Italia ha subito due procedure di infrazione da parte dell’Unione europea, con una multa pari a 62,7 milioni di euro, a cui andranno aggiunti 346mila euro per ogni giorno fino a quando non verranno sanate le irregolarità. In buona sostanza, l’Italia rischia di pagare altri 61 milioni ogni semestre di inadempienza. Un multa arrivata perché la Ue ha riscontrato irregolaritè in 83 “raggruppamenti” di comuni che possono diventare ancora di più visto che Bruxelles ha dato il via a una nuova indagine sull’Italia. In altre parole, si rischia una multa ancora più pesante.

CHI PAGA? – E ora chi pagherà la multa? Alcuni comuni sono in una situazione finanziaria a limite del “fallimento”, per cui a rimetterci potrebbero essere tutti gli italiani, anche i cittadini che si trovano in comuni che invece sono in regola con le direttive Ue.

Leggi anche:
Stangata di rincari per il 2017
Arriva il bonus acqua, 50 litri al giorno per i cittadini in difficoltà
Bonus luce e gas 2016: tutte le informazioni per richiederlo

Multa Ue: in arrivo una stangata sulle bollette dell’acqua
Multa Ue: in arrivo una stangata sulle bollette dell’acqua