Monopolio Siae, in arrivo l’emendamento per abolirlo

Il testo, appoggiato da vari partiti, vuole liberalizzare la gestione dei diritti musicali

Entro il 6 giugno verrà presentato un emendamento alla legge europea in discussione al Senato per abolire il monopolio della Siae in Italia. Emendamento che ha avuto il consenso trasversale dai vari partiti e che sarà difficile da ignorare per il governo.

LA DIRETTIVA BARNIER – Il Parlamento Europeo ha approvato due anni fa la cosiddetta direttiva Barnier, che permette di ottenere le licenze d’uso per la musica in più Paesi europei. In pratica grazie a questo provvedimento, il mercato della gestione dei diritti d’autore è diventato libero. Ma, mentre in molti paesi ci sono già più società a farsi concorrenza, in Italia è tutto diverso. Soprattutto il nostro paese è l’unico dove il monopolio della Siae è sancito da una legge (del 1941) e in secondo luogo perché il recepimento di questa direttiva (che doveva avvenire in teoria entro il 10 aprile 2016) è ancora all’inizio dell’esame parlamentare.

FEDEZ DICE ADDIO ALLA SIAE – Nelle scorse settimane a favore della liberalizzazione si sono schierati cantanti come Fedez e Gigi D’Alessio, che hanno annunciato l’uscita dalla Siae e consegnato la gestione dei diritti a Soundreef. Provocando la reazione del presidente della Società autori ed editori Filippo Sugar: “Torneranno indietro quando non vedranno i soldi”, ha detto in un’intervista al Messaggero.

COSA CAMBIEREBBE – Con l’apertura del mercato si ridurranno drasticamente i tempi di rendicontazione e pagamento dei compensi per gli autori. Oggi i detentori di diritti devono attendere 12/24 mesi, mentre con un sistema analogo a quello di altri paesi tutto verrebbe risolto in poche settimane. Le somme dovute saranno determinate in modo preciso e puntuale grazie a sistemi digitali, superando il sistema forfettario ora utilizzato dalla Siae, che avvantaggia solo i grandi artisti. Con questo meccanismo, quindi, tutte le decisioni (anche quelle sulla ripartizione dei diritti) sono prese dagli autori più ricchi, obbligando gli emergenti e quindi la maggior parte degli iscritti (80 mila in tutto) a subirne le scelte.

I VANTAGGI – Il recepimento della direttiva darà ai giovani ulteriori vantaggi, come l’abolizione di quote di iscrizione e canoni annuali oggi imposti da SIAE e la possibilità di scegliere liberamente una qualsiasi delle società di raccolta dei diritti d’autore operanti in Europa, a prescindere dal Paese di appartenenza.

Leggi anche:
Diritto d’autore, Fedez cambia la storia: addio alla Siae
Come funziona la Siae e quando bisogna pagarla
Siae a rischio, 300 aziende chiedono la fine del monopolio
Addio Siae? L’Ue per la liberalizzazione del mercato dei diritti d’autore
Equo compenso, in Italia il diritto d’autore costa il doppio. SIAE smentita

Monopolio Siae, in arrivo l’emendamento per abolirlo
Monopolio Siae, in arrivo l’emendamento per abolirlo