Migranti in Italia in cambio di flessibilità. L’accusa della Bonino al governo

Il blog Grillo rincara: su sbarchi indicibili accordi fra Europa e Renzi

La storia d’Italia, dall’immediato dopoguerra agli anni di piombo fino al presunto traffico d’armi e scorie in Africa, è spesso stata costellata da “accordi inconfessabili” e verità di comodo. Ne ha parlato recentemente anche Bassam Abu Sharif, ex leader del Fronte Popolare per la Liberazione della Palestina (Fplp), ricordando il ‘lodo Moro’ e quell’accordo che ha tenuto al riparo l’Italia dagli attentati terroristici degli anni ’70 e ’80. Oggi si torna a parlare di “accordi indicibili” a proposito del rapporto fra governo italiano e Unione Europea, accordi che secondo l’ex ministro degli esteri Emma Bonino hanno visto l’Italia accollarsi volontariamente tutti gli sbarchi dei migranti in viaggio verso l’Europa. In cambio di cosa? Bonino non lo dice, qualcuno pensa alla flessibilità più volte concessa ai nostri governi sui conti pubblici.

Intervenendo alla 69sima Assemblea generale di Confartigianato, Emma Bonino ha spiegato: “All’inizio non ci siamo resi conto che era un problema strutturale e non di una sola estate. E ci siamo fatti male da soli. Siamo stati noi a chiedere che gli sbarchi avvenissero tutti in Italia, anche violando Dublino”. Proseguendo, l’ex numero uno della Farnesina ha puntalizzato: “Una delle cose di cui sono più orgogliosa è Mare Nostrum. Sono convinta che sui cadaveri non si costruisce niente. Poi non l’abbiamo voluta più perché troppo cara, costava 9 milioni al mese. Poi è intervenuta l’Ue prima con Triton e poi con l’operazione Sophia. E nel 2014-2016 che il coordinatore fosse a Roma, alla Guardia Costiera e che gli sbarchi avvenissero tutti quanti in Italia, lo abbiamo chiesto noi, l’accordo l’abbiamo fatto noi, violando di fatto Dublino. Disfare questo accordo adesso è piuttosto complicato. Io non apprezzo per niente né l’atteggiamento spagnolo, né francese, né quello degli altri. Ma un po’ ci siamo legati i piedi e un po’ francamente abbiamo sottovalutato la situazione. Io non credo che la settimana prossima arriveremo a una soluzione”.

“Io non penso che gli italiani siano più razzisti di altri – prosegue Bonino -, penso che non apprezzino invece il disordine e la mala integrazione. Non sopportano la gente sbattuta nei Cie, che non può lavorare oppure lavora in nero. “I 7 milioni di immigrati regolari lavorano e pagano le tasse e non rappresentano alcun problema per noi. Il problema sono piuttosto i 500mila clandestini, che lavorano in nero e sono contigui ad un dato di criminalità. Proprio per questo credo che una politica di integrazione seria aiuti la sicurezza e aiuti anche la convivenza tra i cittadini. Sta prendendo piede un tasso di aggressività, persino preventiva, che mi spaventa molto e credo che questo clima non ci porti da nessuna parte. Dobbiamo un po’ ragionare invece di far parlare solo la pancia. Credo che questo sia il compito di una leadership politica che sarà pure impopolare, ma il nostro compito è quello di ragionare e far ragionare”.

la stessa Bonino è tornata sull’argomento alcune ore dopo ribadendo il concetto ma negando la segretezza di tali accordi. Stessa reazione da fonti del governo: solo accordi alla luce del sole, nulla di inconfessabile. Ma è chiaro che la bomba sganciata dall’ex ministro ha fatto rumore, soprattutto in quegli ambienti secondo cui la ‘merce di scambio’ è la flessibilità sui nostri conti. E infatti non sono mancate le illazioni e le richieste di chiarimento. Su tutte quella del blog di Beppe Grillo, che ha ripreso con vigore le dichiarazioni dell’ex ministro.

“Emma Bonino è un ex commissario europeo nonchè l’ex-ministro degli esteri del del governo Letta – si legge sul blog -: Dobbiamo quindi pensare che quando parla di accordi con Paesi esteri o con l’Europa sappia quel che dice. Quello che dice. E si riferisce agli anni del governo Renzi”. Racconta come, per il 2014-2016, il governo italiano abbia chiesto che ‘gli sbarchi avvenissero tutti quanti in Italia’”, si legge nel blog. L’abbiamo chiesto NOI! L’accordo l’abbiamo fatto Noi!” sottolinea l’ex ministro. Di quale accordo sta parlando? Il fatto che l’Italia sia costretta ad accogliere tutti coloro che vengono trasportati qui dall’Africa, anche da navi battenti bandiere straniere (in violazione degli accordi di Dublino, come precisa anche la Bonino), e’ scritto da qualche parte nero su bianco?”, chiede il M5S che attacca: “vogliamo la verita’ su questi accordi indicibili”.

Leggi anche:
Porte chiuse agli immigrati? Boeri: “Ci costerebbe 38 miliardi”
Boeri: “Dati impietosi per i nati negli anni 80”
Boeri attacca il governo: “Manovra alza il debito e bastona i giovani”
L’Inps “snella” di Tito Boeri: tagliate direzioni e top manager
Gli immigrati pagano le tasse: in Lombardia il primato dei contribuenti
“Stop al turismo del welfare”: in Ue non più sussidi a immigrati senza lavoro

Migranti in Italia in cambio di flessibilità. L’accusa della Bonino al governo
Migranti in Italia in cambio di flessibilità. L’accusa della Bo...