L’economia prova a “smarcarsi” dalla crisi: secondo l’Istat continuerà a crescere nei prossimi mesi

Segnali di miglioramento per l'economia italiana

(Teleborsa)Un’alzata di testa timida ma orgogliosa quella dell’economia italiana che prova a reagire alla crisi. Come dire, tutto sommato, si può fare. L’economia italiana, insomma, si muove. Lentamente e con prudenza, ma si muove. Però, si sa, la direzione è importante. E allora, ci chiediamo: dove va? Lasciato qualche nuvolone alle spalle, finalmente a far riprendere fiato a un’economia sfiancata e strapazzata dalle difficoltà, arrivano prospettive di miglioramento all’orizzonte.

Prosegue, dunque, il ritmo di crescita dell’economia italiana che prova a “smarcarsi” dalla crisi: lo rileva l’Istat nella nota mensile.

«In Italia si rafforza la ripresa del settore manifatturiero a cui si associano il miglioramento del potere d’acquisto delle famiglie e l’incremento degli investimenti. L’indicatore anticipatore segnala il proseguimento dell’attuale ritmo di crescita dell’attività economica»

Tuttavia, precisa sempre l’ istituto «l’indice del clima di fiducia dei consumatori ha segnato una diminuzione legata al peggioramento del clima economico e il clima futuro, solo in parte attenuato dal miglioramento del clima personale e corrente» mentre «la fiducia delle imprese è migliorata».

IL MEGLIO DEVE ANCORA VENIRE – Bene, dunque, fin qui ma si può fare meglio nei mesi che verranno perchè se i più pessimisti, scoraggiati dalla crisi, staranno già pensando che al peggio non ci sia mai fine, è pur vero che per gli ottimisti, fiduciosi che presto si vedrà luce alla fine del tunnel, il meglio deve ancora venire. «A gennaio l’indice del clima di fiducia dei consumatori ha segnato una diminuzione legata al peggioramento del clima economico e il clima futuro, solo in parte attenuato dal miglioramento del clima personale e corrente. La fiducia delle imprese è migliorata in tutti i principali comparti a eccezione del commercio al dettaglio. L’indicatore anticipatore segnala prospettive di miglioramento dell’attività economica per i prossimi mesi».

SEGNALI POSITIVI DALLA MANIFATTURA – Sul fronte delle imprese, l’Istituto segnala il miglioramento della manifattura, dove la produzione industriale si espande a tassi forti (+0,7% a novembre).

Export in crescita – Bene anche l’export che cresce del 2,2%

TOH, GUARDA CHI SI RIVEDE!  Il vento dell’inflazione, tornato a soffiare forte nei Paesi “core” dell’Eurozona, sta arrivando, anche se molto lentamente, anche in Italia. Dopo anni di stagnazione, infatti, torna a crescere anche l’inflazione con un aumento tendenziale dello 0,9%, facendo, dunque, registrare l’incremento tendenziale maggiore da circa tre anni e mezzo, ossia settembre 2013.

Aumentano i consumi delle famiglia Nel terzo trimestre 2016, i consumi delle famiglie italiane sono aumentati dello 0,3% rispetto al trimestre precedente, favoriti dall’incremento del reddito disponibile e del potere di acquisto. La propensione al risparmio delle famiglie consumatrici è stata pari al 9,3%, in diminuzione di 0,1 punti percentuali rispetto al trimestre precedente.

L’economia prova a “smarcarsi” dalla crisi: secondo l’Istat continuerà a crescere nei prossimi mesi
L’economia prova a “smarcarsi” dalla crisi: secondo ...