Istat, il rapporto 2016 sui giovani: 6 su 10 vivono in casa con i genitori

Aumentano le disuguaglianze: il futuro determinato dalla posizione dei genitori

Se in generale il rapporto annuale dell’Istat ha tracciato un quadro cupo su lavoro e welfare, nel dettaglio spiccano i dati sui giovani, studenti o lavoratori che siano.

Il Paese non va più avanti – si legge nell’analisi de La Repubblica – l’occupazione cresce solo perché i cinquantenni rimangono al lavoro ben oltre i 60 per via delle riforme pensionistiche, mentre il tasso di occupazione dei giovani cala drammaticamente. Sempre più trentenni rimangono in casa con i genitori, si formano meno famiglie, nascono meno bambini. Quello che davvero fa sempre più la differenza è nascere nella famiglia giusta, in Italia ma in fondo anche in Europa: c’è una correlazione sempre maggiore tra il livello professionale dei genitori, la proprietà della casa e la posizione dei figli.

Il 62,5% dei giovani tra i 18 e i 34 anni vive ancora con i genitori, con una forte differenza tra le donne (56,9%) e gli uomini (68%), ma soprattutto una consistente differenza con la media europea, che si attesta al 48,1%. Ma se si guarda ai più giovani le percentuali sono ancora maggiori: nel 2015 vive con la famiglia il 70,1% dei ragazzi di 25-29 anni e il 54,7% delle coetanee, vent’anni fa le percentuali erano del 62,8% e del 39,8%. Tutto viene spostato in avanti, a cominciare dal matrimonio, si sposta il primo figlio e anche l’età nella quale si diventa nonni. Non si tratta di pigrizia, però: i Millennials sperimentano in modo massiccio le difficoltà del mercato del lavoro, che taglia posizioni soprattutto tra i più giovani, non garantisce stabilità e penalizza le retribuzioni.

Un altro dato particolarmente interessante è che gli occupati crescono soprattutto nella fascia di età 50-64 anni (più 1,5% rispetto al 2014 e più 9,2% rispetto al 2008). E dunque non si tratta di un vero aumento, quanto di una maggiore permanenza, dovuta alle riforme previdenziali.

Leggi anche:
L’Istat dipinge un quadro disastroso del lavoro. Welfare fra i peggiori in UE
Financial Times: per diventare miliardari non serve la laurea
Jobs act, che flop: meno assunti e più voucher nel primo trimestre
Le crisi si nutrono di diseguaglianza. Finché c’è alta disparità tra i redditi il sistema è a rischio
Pensioni, gli aberranti redditi dei commercianti. Mentre il welfare se ne va a rane

Istat, il rapporto 2016 sui giovani: 6 su 10 vivono in casa con i genitori
Istat, il rapporto 2016 sui giovani: 6 su 10 vivono in casa con i ...