Investire nel 2016: come orientarsi

Uscire dalla crisi e investire senza eccessivi rischi per i risparmi

Per investire con oculatezza bisogna anzitutto avere chiara la situazione macro-economica in cui ci si trova ad operare. Lo scenario attuale è condizionato dai massicci acquisti di titoli di stato posti in essere dalla BCE (il cosidetto quantitative easing), che hanno causato l’abbassamento dei tassi di interesse ai minimi storici. Questo rende poco remunerativo investire i risparmi nei prodotti più “sicuri”, come titoli di debito (buoni postali, per esempio) e conti correnti o libretti.

Pur con rendimenti minori rispetto al passato, i buoni fruttiferi postali rappresentano ancora un valido prodotto su cui investire i risparmi. Godono della garanzia dello Stato e di una tassazione agevolata (pari al 12,5% sui guadagni), ed è possibile scegliere fra svariate tipologie. Per avere tassi di interesse più elevati bisogna orientarsi su quelli di maggior durata.

I nuovi libretti postali offrono buoni tassi di interesse, superiori all’1% lordo, e sono anch’essi soggetti a garanzia statale. Rispetto ai buoni sono più liquidi (il capitale si può ritirare in qualunque momento senza penalizzazioni) ma su di essi grava una tassazione maggiore (26%). Inoltre per la parte eccedente i 5.000 euro si paga l’imposta di bollo.

E’ salita al 26% anche la tassazione su conti corrente e conti deposito. Se i primi garantiscono tassi praticamente nulli, i secondi possono offrire dei buoni tassi di interesse, a fronte di vincoli di durata non eccessiva (1/2 anni): bisogna però stare attenti a verificare che la banca sia sana. L’imposta di bollo in molti casi è pagato dalla banca.

Le pensioni integrative garantiscono buoni rendimenti e danno diritto a sconti fiscali. Per chi dispone di grosse cifre, quello attuale può essere il momento giusto per investire nel mattone: i prezzi sono ancora bassi, ma presto torneranno a salire. Se si vuole investire in azioni o obbligazioni, invece, la parola d’ordine è diversificare.

Immagini: Depositphotos

Leggi anche:
Come investire nel 2016 senza rischi
Bail in, il decalogo per difendere i risparmi ed evitare rischi con le banche
Bail in e prelievo forzoso, la lista delle banche più a rischio. Come difendersi
Ocse lancia l’allarme: “Una valanga travolgerà banche e correntisti”
“Vendete tutto, il 2016 sarà un anno disastroso”. L’allarme degli analisti

Investire nel 2016: come orientarsi
Investire nel 2016: come orientarsi