Immobiliare: prezzi in recupero nel terzo trimestre ma la ripresa ancora non si vede

“Quando finirà la discesa”? Se siete tra quelli che aspettano con ansia la risalita dei prezzi delle case, non è ancora arrivato il vostro momento. Se, infatti, il mercato immobiliare è tornato a sorridere dal punto di vista delle compravendite, continua, infatti, il trend negativo dei prezzi, ancora sotto il segno meno. Una tendenza che, se da un lato può far sorridere favorendo gli acquisti, dall’altro è un campanello d’allarme rispetto alle condizioni economiche che continuano a destare preoccupazione, soprattutto in ottica futura. Ma un piccolissimo segnale positivo arriva dall’Istat.
 
 
SEGNO PIU’ NEL TERZO TRIMESTRE, MA CALO SU BASE ANNUA – In particolare, secondo gli ultimi dati contenuti nelle stime preliminari dell’Istat nel terzo trimestre 2016 l’indice dei prezzi delle abitazioni (IPAB)  acquistate dalle famiglie, sia per fini abitativi sia per investimento, fa registrare un flebilissimo ma incoraggiante segno più e aumenta dello 0,1% rispetto al trimestre precedente.
Su base annua, invece, c’è ancora da lavorare parecchio:  diminuisce dello 0,9% nei confronti dello stesso periodo del 2015 (era -0,8% nel trimestre precedente).
 

 La flessione tendenziale – rende sempre noto l’istituto di statistica – è dovuta principalmente ai prezzi delle abitazioni nuove, la cui diminuzione su base annua si accentua (-2,1%, da -1,1% del trimestre precedente), mentre si ridimensiona lievemente il calo dei prezzi delle abitazioni esistenti (-0,6%, da -0,7% del periodo precedente).

Il calo tendenziale dei prezzi delle abitazioni si manifesta contestualmente ad una crescita sostenuta del numero di immobili residenziali compravenduti: +17,4% rispetto al terzo trimestre del 2015 secondo i dati diffusi dall’Osservatorio del Mercato Immobiliare dell’Agenzia delle Entrate (anche un report dell’Istat aveva rilevato un forte aumento delle compravendite nel trimestre). Su base congiunturale il lievissimo aumento dell’IPAB è dovuto alla stabilità dei prezzi delle abitazioni nuove e al contestuale incremento dello 0,1% di quelli delle abitazioni esistenti.

In media, nei primi tre trimestri del 2016 i prezzi delle abitazioni diminuiscono dello 0,9% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente, sintesi di un calo dei prezzi dell’1,2% per le abitazioni nuove e dello 0,9% per quelle esistenti. Il tasso di variazione acquisito dell’IPAB per il 2016 (la variazione media annua se nel quarto trimestre dell’anno i prezzi non variassero) rimane quindi negativo e pari -0,7% (era -1,2% nel trimestre precedente). Rispetto alla media del 2010, nel terzo trimestre 2016 i prezzi delle abitazioni sono diminuiti del 14,5% (-2,6% le abitazioni nuove, -19,4% le esistenti).

Immobiliare: prezzi in recupero nel terzo trimestre ma la ripresa ancora non si vede
Immobiliare: prezzi in recupero nel terzo trimestre ma la ripresa anco...