Il segreto del successo delle nuove tecnologie? E’ il porno

Oggi come in passato è l'industria pornografica a spingere le innovazioni

Chi non ricorda come, dai primi anni ’80 in poi, le novità tecnologiche legate alla fruizione video siano state indissolubilmente legate alla diffusione della pornografia. Basti pensare ai primi VHS e in seguito ai primi DVD, il cui successo è stato inizialmente trainato proprio dall’industria del cinema porno, in seguito affossata dalla tecnologia stessa allorchè i video a carattere pornografico hanno trovato dimora sui cosiddetti ‘pornali’, gratuiti e fruibili in qualsiasi momento.

Oggi il paradigma è cambiato per quanto concerne il cinema porno, ma in ambito tecnologico il sesso è ancora in grado di trainare le maggiori novità. Basti pensare alla realtà virtuale, che proprio nel ‘sesso a distanza’ sembra avere la propria declinazione più diffusa.

I siti porno con film in ‘realtà virtuale’ e relativi software stanno infatti generando parecchio interesse fra i consumatori, stando ai dati diffusi dalla data company Similar web. While Oculus, HTC e Sony stanno tutte per far uscire le proprie maschere per la realtà virtuale (ed i siti porno si stanno attrezzando per ire i loro contentuti a questi supporti), ed i ricavi sono in costante crescita. I siti specializzati in porno realtà virtuale (virtualrealporn.com, BadoinkVR, SexLikeReal) hanno avuto una crescita del 202% fra gennaio e novembre 2015.

In perfetta simbiosi agisce l’industria dei ‘giocattoli erotici’, che connessi alle piattaforme di realtà virtuale diventano dei veri e propri devices per il piacere erotico.

Nel grafico sottostante, la crescita del mercato relativo all’industria della porno realtà virtuale nell’ultimo anno. Il calcolo riguarda i siti: sexlikereal.com, virtualrealporn.com, badoinkvr.com, virtualporno360.com, vrpornmovies.net, vrsmarsh.com, vrpornlist.com, vrsexlab.com, vrgirlz.com, 3dxchat.com.

vr-porn-sites

Leggi anche:
Tra futuro hi-tech, i 5 gadget più strani visti al Ces di Las Vegas
Miliardari del tech finanziano la ricerca dell’immortalità