Fisco, la cartella non va in vacanza: il 31 luglio scade la prima rata della rottamazione

Prendete il calendario e cerchiate in rosso una data: 31 luglio

(Teleborsa)Prima il dovere, poi il piacere. Prima di partire per le meritate vacanze, se siete tra quanti hanno ancora qualche conto in sospeso con il fisco, non resta che mettere mano al portafoglio. Del resto, funziona così per gli ex-furbetti che hanno deciso di mettersi sulla retta via.
Prendete il calendario e cerchiate in rosso una data: 31 luglio. E’ questa la data utile, infatti, per chi aveva presentato la richiesta di adesione alla definizione agevolata entro il 21 aprile e a giugno ha ricevuto il conto (scontato) dall’ex Equitalia, entra la quale dovrà decidere se procedere con il saldo delle proprie pendenze con l’esattore.

Don’t miss the appointment! – Si tratta di una scadenza importante, perché il mancato o tardivo pagamento provoca la perdita dei benefici della definizione agevolata, con  l’Agenzia delle Entrate che è tenuta a riprendere le procedure di riscossione.

Chi ha aderito poteva scegliere se pagare quanto dovuto in un’unica rata o in cinque rate. Per chi ha optato per un pagamento più comodo, il 70per cento del debito va saldato entro le prime tre rate, tutte dovute nel 2017. Con tanto di interessi. Per questo la maggior parte dei contribuenti sembra aver scelto la modalità della rata singola che, alla lunga, sembra essere più vantaggiosa.
Come pagare-Tante le modalità di pagamento per venire incontro ai contribuenti. Sarà possibile pagare presso la propria banca, presentando allo sportello il bollettino Rav ricevuto dall’Agente della riscossione. Agli sportelli bancomat ATM degli istituti di credito che hanno aderito ai servizi di pagamento CBILL, e con il proprio internet banking inserendo il numero del bollettino e l’importo da pagare. È possibile procedere al pagamento anche negli uffici postali. Nei tabaccai convenzionati con Banca 5 e tramite i circuiti Sisal e Lottomatica.
Inoltre, sarà possibile saldare la rata sul portale dell’Agenzia con l’App Equiclick tramite la piattaforma PagoPa, il sistema elettronico per i pagamenti alla Pubblica amministrazione. Oppure direttamente agli sportelli ex Equitalia.

Fisco, la cartella non va in vacanza: il 31 luglio scade la prima rata della rottamazione
Fisco, la cartella non va in vacanza: il 31 luglio scade la prima rata...