FED, tassi invariati e riduzione bilancio “relativamente presto”

Come previsto, la Federal Reserve ha lasciato invariati i tassi all'1-1,25%

(Teleborsa)La Banca Centrale americana (FED), ha deciso di lasciare invariato il costo del denaro. I tassi restano quindi fermi fra l’1 e l’1,25% come da pronostico e nel rispetto delle attese di analisti e operatori.  La Federal Reserve, infatti, ha lasciato invariati i tassi al livello dello scorso giugno con un aumento di un quarto di punto con il quale i tassi sono tornati sopra l’1% per la prima volta dal 2008.  Lo ha annunciato Federal Open Market Committee, il braccio di politica monetaria della Fed, al termine della sua riunione.

Sul lavoro – Secondo la Fed, “il mercato del lavoro ha continuato a rafforzarsi e l’attività economica è salita moderatamente quest’anno”, come sostenuto nella riunione precedente.
Nell’analisi della situazione economica, il comunicato ha affermato – con una leggera variazione rispetto a giugno che “l’aumento dei posti di lavoro è stato consistente, in media, dall’inizio dell’anno e la disoccupazione è calata“.

Normalizzazione del bilancio “relativamente presto” – La banca centrale statunitense ha fatto sapere di volere continuare la normalizzazione della sua politica monetaria attraverso la riduzione del suo bilancio che ha raggiunto, dopo tre quantitative easing, i 4.500 miliardi di dollari  e  inizierà “relativamente presto”.  Probabilmente a settembre.
Peggioramento dell’inflazione – Nelle sei settimane dalla riunione del 13 e 14 giugno scorsi, l’inflazione si è indebolita. Nel documento si legge infatti che su base annuale, l’inflazione e la misura al netto dei prezzi di generi alimentari ed energetici “sono calati e stanno viaggiando sotto il 2%” che corrisponde al target di crescita annua fissato dalla Fed per questo dato. Il mese scorso la Fed aveva spiegato che l’inflazione era “recentemente calata” e che viaggiava “somewhat” – appunto – al di sotto del 2%. Come allora, la banca centrale Usa ha confermato di “monitorare attentamente gli sviluppi dell’inflazione”.

FED, tassi invariati e riduzione bilancio “relativamente presto”
FED, tassi invariati e riduzione bilancio “relativamente presto&...