Fallimenti: calano in tutto il mondo. Italia compresa

Lo rivelano i dati del Global Bankrupcy Report 2017 di Dun & Bradstreet Worlwide Network

(Teleborsa)I segnali della ripresa economica, a livello mondiale, sono ancora troppo pochi e, soprattutto, fiacchi. Siamo ancora ben lontani, insomma,  dal metterci alle spalle una crisi ferocissima la cui onda lunga continua a farsi sentire a qualunque latitudine.

Eppure, per fortuna, una piccola luce di speranza continua a brillare sulla strada lunga e faticosa della ripresa:  fallimenti societari e globali, infatti, in barba alle difficoltà economiche, continuano a calare,  toccando nuovi minimi record in alcune delle maggiori economie mondiali. Rispetto a questo trend, il 2016 non ha fatto eccezione, anzi.

Lo rivelano i dati del Global Bankrupcy Report 2017 di Dun & Bradstreet Worlwide Network, su un totale di 38 paesi coperti dall’analisi. Numeri che sorridono; 26 hanno registrato lo scorso anno un calo del tasso di fallimenti rispetto all’anno prima, 2 hanno visto un tasso stabile, 10 hanno registrato addirittura un incremento.

CHE SUCCEDE IN ITALIA? Per una volta, buone notizie anche guardando in casa nostra. Anche in Italia, infatti, i fallimenti sono calati del 7,7% lo scorso anno.

Sorridono pure i mercati asiatici: fallimenti in calo anche in 9 degli 11 mercati asiatici analizzati (compresa la Cina, -8,8%), come pure negli Stati Uniti (-2,3%) e in Giappone (-4,2%).

NUVOLONI ALL’ORIZZONTE E TRE RISCHISolo buone notizie? Ovviamente, no. Nubi, infatti, all’orizzonte. Secondo Dun & Bradstreet Worlwide Network, tre grandi rischi incombono sulle prospettive future: una potenziale de-globalizzazione, a preoccupare non poco è anche l’ipotesi di una spaccatura all’interno dell’Unione europea sulla scia della Brexit con scenari ancora da stabilire, infine, le conseguenze dell’irrigidimento della politica monetaria statunitense dopo l’insediamento del presidente Trump che ha più volte promesso la linea dura che, stando alle premesse,  sembra proprio voglia mantenere.

Fallimenti: calano in tutto il mondo. Italia compresa
Fallimenti: calano in tutto il mondo. Italia compresa