Due mesi di tempo per salvare Flixbus (quello dei viaggi a 1 euro)

Il problema è un emendamento del Milleproroghe che le impone di acquistare gli autobus per poter operare

Restano solo 60 giorni per ‘salvare’ Flixbus, il bus che consente di fare viaggi a partire da 1 euro, una sorta di low cost del trasporto su gomma. La multinazionale tedesca — il cui modello di business è basato su un’applicazione per smartphone che consente di prenotazione viaggi su gomma con poco preavviso e pochi euro — è preoccupata da un emendamento inserito all’ultimo nel Milleproroghe che rischia seriamente di estrometterla dal mercato.

Si tratta di una norma, definita non a caso “anti-Flixbus”, che all’articolo 3 di un decreto legislativo del 2005 chiede un adeguamento al concetto di associazione temporanea di impresa. Imponendo alla capogruppo — cioè Flixbus stessa che utilizza una cinquantina di aziende partner alle quali appalta il servizio di trasporto passeggeri ricavandone un margine di intermediazione — debba svolgere come attività principale il trasporto su strada. Flixbus non ha né mezzi di proprietà, né autisti assunti perché questi rappresentano la forza lavoro delle aziende associate nel raggruppamento di impresa costituito con l’arrivo di Flixbus in Italia.

Nonostante il provvedimento sia passato, sono stati accolti tre diversi ordini del giorno che impegnano il governo a rivedere le disposizioni “contro Flixbus” introdotte al Senato. Modifiche che l’esecutivo avrebbe in mente di inserire nel disegno di legge delega sulla Concorrenza ancora in gestazione in Parlamento da un paio d’anni senza che però nessuno ancora l’abbia incardinato verso un iter legislativo programmato e certo.

Leggi anche:
Milleproroghe 2017: novità e rinvii

Due mesi di tempo per salvare Flixbus (quello dei viaggi a 1 euro)
Due mesi di tempo per salvare Flixbus (quello dei viaggi a 1 euro...